L’annuncio, avvenuto all’E3 2016, di Project Scorpio e dei suoi 6 TeraFlops di potenza ha destato senza dubbio molto scalpore nell’industria videoludica, sia dal punto di vista dei giocatori che da quello della concorrenza, ma sono sorti anche diversi dubbi sull’effettiva capacità della console di proporre i giochi in 4K nativo.

Tuttavia Aaron Greenberg, leader della divisione Game Marketing di Xbox, in una intervista con DualShocker in occasione della Gamescom 2016, si è detto sicuro delle capacità del progetto sostenendo che “Siamo stati attenti nel pianificare le specifiche hardware utilizzate per Project Scorpio e il focus è sempre stato su come sia possibile fornire un vero gaming a 4K in ambito console”  per poi aggiungere “Siamo fiduciosi nel fatto di portare il vero gaming in 4K con Scorpio e che queste performance potenti possano portare anche grandi giochi al pubblico su console”.

Greenberg ha inoltre voluto sottolineare, parlando dello sviluppo di giochi in 4K, il fatto che “già molti sviluppatori stanno già creando giochi in 4K. I nostri studi interni, per esempio, con Forza Horizon 3, Halo Wars 2 e Gears of War 4 stanno già lavorando su PC a tali risoluzioni, dunque il lavoro viene già svolto, solo che manca ancora la potenza giusta nell’ambito console, e noi la porteremo l’anno prossimo”.

Certamente un’altro aspetto interessante è quello relativo ai costi, sicuramente alti, che bisogna sostenere per riuscire a mettere le mani su un hardware del genere, ebbene Aaron Greenberg si è espresso anche su questo punto dicendo che Project Scorpio è pensato “come un prodotto premium. Da quel punto di vista, sarà un prodotto molto high-end” .

Sempre secondo Greenberg la forza di Xbox Scorpio risiede nel fatto che si tratta di una nuova console con nuove capacità, ma che non sacrifica la compatibilità, visto che il nuovo progetto di casa Microsoft di poter contare su tutto il catalogo di Xbox One e anche su tutte le periferiche disponibili per essa.

xbox one logo

 

 

Condividi
Articolo precedenteAltri dettagli su Battlefield 1
Articolo successivoThe Surge – Videoanteprima gamescom 2016
Accanito videogiocatore da quando aveva tre anni, InkWolf ama studiare l'arte che si cela dietro lo sviluppo di un gioco, così come l'applicazione di innovative o peculiari pratiche di game design. InkWolf è profondamente legato a molti generi, giochi e sviluppatori diversi. Il suo sogno è quello di salire sul palco dell'E3 per presentare un suo progetto...un giorno...