Pubblicato oggi da Bigben e lo studio Gloomywood il video diario, “Dall’Idea al Gioco”, ci illustra lo sviluppo del survival horror 2Dark.

All’interno del video-diario, Frédérick Raynal, creatore di Alone in the Dark e pioniere del genere survival-horror, e Thierry Platon, direttore narrativo di Gloomywood, raccontano le idee che hanno dato vita al gioco. Scoprite insieme a loro le riflessioni che hanno portato alla scelta di un gameplay originale e imprevedibile, ma anche come è stato possibile realizzare un videogioco come un vero e proprio medium interattivo in grado di attirare l’interesse di un pubblico più adulto. In 2Dark “tutto è doppio taglio!” spiega Frédérick Raynal.

2Dark è un gioco stealth/adventure che metterà a dura prova il vostro coraggio e porterà al limite le vostre capacità deduttive. Sgattaiolate nell’ombra e decifrate i meccanismi spietati delle trappole in ogni livello per condurre l’ex detective Smith verso i nascondigli dei killer psicopatici. Cercate di sopravvivere durante la vostra indagine e, soprattutto, salvate i bambini.

2Dark è già disponibile in pre-ordine sul sito PlayStation Store e Xbox Store. Con ogni pre-ordine su PlayStation 4 avrete la possibilità di ricevere in omaggio la colonna sonora del gioco. Non solo: gli abbonati al servizio PlayStation Plus potranno inoltre beneficiare di uno sconto del 20%. Il gioco sarà disponibile il 10 marzo in versione scaricabile e il 17 marzo in una speciale Collector’s Edition per PlayStation 4.

Condividi
Articolo precedenteEcco tutti i titoli Xbox Game Pass confermati finora
Articolo successivoAnnunciato Flipping Death, sequel spirituale di Stick it to the man!
Disincantato sognatore, ama la libertà d’azione e l’esplorazione. Onnivoro consumatore, ha affinato il proprio gusto con titoli del calibro di Dishonored e BioShock, odia le etichette e la disinformazione. Approdato recentemente nel mondo della critica videoludica cerca di trasferire in tutto quello che fa un’acuta riflessione sul medium e un pizzico di fantasia, crede fermamente nella “nobilitazione” del videogioco.