Quest’oggi Creative Assembly, dopo aver mostrato un video gameplay al PC Gaming Show, ci fa vedere il primo filmato dedicato alla campagna di Total War: Warhammer II. Vi ricordiamo che lo strategico sarà disponibile a partire dal 28 settembre su PC.

Il viaggio inizia nella patria di Ulthuan degli Alti Elfi, dove il Grande Vortice crea energia magica sull’Isola dei Morti; la sua presenza pericolosamente instabile è una magnifica ma minacciosa vista che domina il paesaggio. Gli Alti Elfi che vi risiedono sono guidati dal Principe Tyrion e, mentre il video si volta verso la Torre Bianca di Hoeth e oltre le Porte della Fortezza di Ulthuan, cominci a comprendere le creature fiere e altamente sviluppate che vivono lì.

Attraverso gli oceani insidiosi e Lustria, vediamo diverse razze del Vecchio Mondo che hanno creato i loro avamposti, mentre eserciti di malviventi vagano per il continente in cerca di ricchezze. Dovrai decidere se farli unire alla tua causa o metterli alle strette per affermare il tuo dominio. Le rovine delle città antiche, sovrastate dalla giungla sono assolutamente da sfruttare … costruirai nuovi insediamenti o affronterai i pericoli mentre ti trascinerai alla ricerca di tesori, manufatti magici e altri premi?

Oltre l’Isola della Tartaruga, l’Eroe Alto Elfo, Teclis, combatte delle campagne lontano da casa, nelle profondità del paese degli Uomini Lucertola. I maghi Slaan dominano la regione, dirigendo gli eserciti di Uomini Lucertola e le loro grandi bestie sauriane secondo il loro Grande Piano. Se riescono a rivitalizzare la loro rete geomantica, linee invisibili di potenza che collegano le loro città antiche aumenteranno le loro possibilità di attuare il loro Grande Piano.

Infine, abbiamo fatto la conoscenza di due Lord Leggendari degli Uomini Lucertola: il mago Mazdamundi e il famoso Kroq-Gar che si preparano ad attaccare gli Alti Elfi.

Condividi
Articolo precedenteEcco il trailer di lancio di Get Even
Articolo successivoSkull and Bones avrà anche una campagna in singolo
Disincantato sognatore, ama la libertà d’azione e l’esplorazione. Onnivoro consumatore, ha affinato il proprio gusto con titoli del calibro di Dishonored e BioShock, odia le etichette e la disinformazione. Approdato recentemente nel mondo della critica videoludica cerca di trasferire in tutto quello che fa un’acuta riflessione sul medium e un pizzico di fantasia, crede fermamente nella “nobilitazione” del videogioco.