Ubisoft afferma che, dopo oltre un anno di supporto per Tom Clancy’s Rainbow Six Siege, il titolo non verrà arricchito con altre modalità per il momento:

“La mappa può essere differente, gli operatori possono variare, ma ci serviva anche qualcosa di statico e quel qualcosa è costituito dalla modalità Siege. Siege è il centro di tutto quanto”

“C’è molta profondità grazie agli operatori e alla distruzione degli scenari. Il gioco ha già tanto da offrire, di conseguenza l’attenzione è sempre rivolta ad aggiornare il materiale con nuove mappe e operatori”.

Condividi
Articolo precedenteUbisoft risponde alla critiche mosse sulla beta di Ghost Recon Wildlands
Articolo successivoFor Honor non arriverà mai su Switch?
Vice direttore di Gamesquare.it, specializzato in giochi Stealth, Action e Shooting, odia con tutto se stesso i titoli Platform (per sua innata incapacità con questo genere). Si è avvicinato al medium videoludico durante la settima generazione di console, alternando momenti di gaming compulsivo a settimane di completo relax elettromagnetico. Pur avendo un altro lavoro, dedica gran parte del suo tempo libero allo sviluppo di questa piccola realtà online.