More

    Tanti dettagli ed un videodiario per Far Cry Primal

    Ubisoft annuncia lo sviluppo di Far Cry® Primal, un nuovo ed emozionante capitolo nella pluriacclamata serie di Far Cry, che sarà ambientato nell’età della pietra. Far Cry Primal sarà disponibile in tutto il mondo dal 23 febbraio 2016 per PlayStation®4 e Xbox One, e da marzo 2016 anche per Windows PC.

    Sviluppato da Ubisoft Montréal, in collaborazione con Ubisoft Toronto, Ubisoft Shanghai e Ubisoft Kiev, Far Cry Primal è un’avvincente avventura per giocatore singolo ambientata 10.000 anni fa, in un’epoca in cui la Terra era dominata da creature gigantesche, come mammut e tigri dai denti a sciabola.

    Dopo aver devastato i tropici e scalato le vette dell’Himalaya, la pluripremiata serie porta il suo innovativo gameplay e un vasto scenario liberamente esplorabile in un’epoca in cui l’uomo non era ancora al vertice della catena alimentare e dove non mancheranno creature gigantesche, ambientazioni spettacolari e incontri imprevedibili.

    I giocatori vestiranno i panni di Takkar, un esperto cacciatore e l’ultimo superstite del suo gruppo. Giunti nella maestosa e selvaggia terra di Oros, avranno un solo obiettivo: sopravvivere in un mondo dove gli uomini sono la preda. Qui potranno incontrare una vasta gamma di personaggi memorabili, che li aiuteranno ad affrontare i pericoli della natura selvaggia. In pratica, impersoneranno il primo uomo che ha imparato a domare la natura per evitare l’estinzione.

    Durante la loro avventura, infatti, dovranno costruire armi e strumenti usando le ossa delle creature che hanno ucciso, cacciare per procurarsi il cibo, sfruttare il fuoco a loro vantaggio, respingere predatori feroci e affrontare altre tribù per conquistare Oros.

    “L’aspetto interessante di Far Cry è la sua adattabilità. Perciò, quando un team ci ha proposto di valutare l’idea di un Far Cry ambientato durante l’età della pietra, abbiamo risposto, ‘sentiamo!’. E più ne parlavamo, più eravamo consapevoli del buon potenziale dell’idea”, ha affermato Dan Hay, Produttore esecutivo di Ubisoft.

    “L’età della pietra è l’ambientazione perfetta per un episodio di Far Cry”, ha dichiarato Jean-Christophe Guyot, Direttore creativo di Ubisoft. “La serie Far Cry conduce ai limiti del mondo conosciuto, in una terra selvaggia, bellissima e senza regole. In un certo senso l’età della pietra è stata la prima vera frontiera dell’umanità: il momento in cui gli uomini hanno piantato un palo nel terreno e reclamato il possesso di un territorio, il momento in cui abbiamo iniziato a scalare la catena alimentare. E questo ha condotto a una lotta, non solo contro gli altri uomini, ma anche contro la natura stessa”.

    Articoli recenti

    Il viaggio di Gamesquare.it è giunto al termine

    Gamesquare.it è arrivato alla fine del suo viaggio, è stata una bellissima esperienza, ma per varie motivazioni ci vediamo costretti a chiudere.

    Recensione Shining Resonance Refrain

    Shining Resonance Refrain ci mette alla guida di Yuma, ragazzo dentro il quale risiede lo spirito di un dragone, con il quale ci avventureremo in una storia piena di lacrime e sorrisi.

    Recensione Moonlighter – Il prezzo è giusto

    La nostra recensione di Moonlighter, rivoluzionario action RPG di Digital Sun e 11 bit Studios che ci metterà nei panni di uno strano avventuriero.

    I migliori 10 jRPG retrò

    Siete curiosi di vedere com'erano i jRPG fino a pochi anni fa? Con questa top 10 potrete rivivere gli anni d'oro del genere!

    Recensione The Spectrum Retreat

    La nostra recensione di The Spectrum Retreat, clasutrofobico puzzle game partorito dalla giovane e promettente mente di Dan Smith

    Dettagli sulla settima stagione di For Honor

    Sarà a breve disponibile la settima stagione di For Honor, ricca di novità e miglioramenti vari.
    Daniele D'Orefice
    Daniele D'Orefice
    Scrive della sua passione da quando aveva quattordici anni, dapprima su forum sperduti nella rete, e poi in realtà più note ed affermate. Adora i giochi di ruolo, gli strategici e gli immersive sim. Si lascia conquistare anche dalla scena indipendente.