Gioco annunciato già nel 2016 per cui si ipotizzava una sua possibile uscita durante lo stesso anno, è finalmente arrivata una data ufficiale di lancio: State of Mind uscirà il 15 agosto su PC, PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch. E questo annuncio lo fa con stile, presentandosi in qualità di thriller futuristico con un nuovo ed elegante trailer che vediamo qui sotto.

 

 

Sviluppato con Unreal Engine dagli sviluppatori di Daedalic Entertainment, State of Mind analizza attentamente l’immensa promessa tecnologica del mondo in cui viviamo, facendoci compiere un salto a Berlino nel 2048. I giocatori prendono i panni di Richard Nolan, un giornalista la cui vita sta iniziando a crollare su di sé. Sua moglie e suo figlio sono spariti, e i suoi ricordi stanno lentamente sfuggendo dalla propria presa.

State of Mind vanta uno stile visivo esclusivo con un basso numero di poligoni progettato per rappresentare la natura frammentaria del mondo di Richard, e di diversi altri personaggi giocabili, in circa 15 ore di gameplay approssimati.

Il mondo è sull’orlo. La mancanza di risorse, aria e acqua inquinate, il crimine in aumento, e le guerre diffuse, hanno lasciato le popolazioni disilluse e distaccate dalla realtà. Nel settore pubblico i droni e i robot umanoidi sostituiscono gli esseri umani; tutto è interconnesso, e la sorveglianza è diventata onnipresente. Sta a Richard scoprire cosa sta succedendo, sia nella propria vita che nel mondo attorno a sé.

 

State of Mind

 

Si tratta di un’indagine che l’ha portato vicino al nuovo e all’apparentemente perfetto mondo virtuale “City 5“, luogo che sempre più persone insoddisfatte delle proprie vite reali hanno abbracciato. Cosa succederà quando scoprirà che la sua vita nel mondo reale è in qualche modo connessa a quella di un perfetto estreaneo che vive in questa nuova realtà virtuale?

“State of Mind è un gioco basato sul transumanesimo e sulla sua scommessa nel futuro” spiega l’autore del gioco Martin Ganteföhr. “Tuttavia non è un gioco che riguarda la tecnologia del domani, ma le persone del domani. Al centro di questa narrazione c’è il motivo della separazione e della riunione. Cosa succederebbe se il futuro creasse fratture tra il corpo e la mente? Tra realtà e costrutti? Tra ego biologico e virtuale?”

“State of Mind raccoglie l’idea di costruire qualcosa di intero da dei frammenti. Richard, il protagonista, deve riorganizzare e sistemare la sua vita. Deve sopportare interruzioni di natura sociale, tecnologica, e molto personale. Il motivo dei frammenti, chiaramente visibili dallo stile e dalla grafica, trascende l’intero gioco: è incorporato nella struttura narrativa, nelle immagini, nei concetti centrali dei personaggi principali, e persino nella meccanica di ‘Ricostruzione’.”

Il preordine di State of Mind è già disponibile su Steam e GOG, non ci resta che attendere il suo arrivo accompagnato da una storia enigmatica e ricolma di misteri da risolvere.

 

State of Mind