Bandai Namco ha rivelato i requisiti minimi e consigliati per la versione PC di Get Even. A questo link vi riproponiamo il trailer del gioco.

Requisiti minimi:

• Sistema operativo: 64-bit Windows 7, 64-bit Windows 8 (8.1) o 64-bit Windows 10
• Processore: Intel CPU Core i5-2500K 3.3GHz / AMD CPU Phenom II X4 940
• Memoria: 8 GB RAM
• Scheda grafica: Nvidia GPU GeForce GTX 660 / AMD GPU Radeon HD 7870
• DirectX: Versione 11
• Network: Connessione a banda larga
• Spazio libero su HD: 40 GB
• Scheda audio: compatibile DirectX

Requisiti raccomandati:

• Sistema operativo: 64-bit Windows 7, 64-bit Windows 8 (8.1) o 64-bit Windows 10
• Processore: Intel CPU Core i7 3770 3.4 GHz / AMD CPU AMD FX-8350 4 GHz
• Memoria: 8 GB RAM
• Scheda grafica: AMD Radeon RX 480, Nvidia GeForce GTX 970
• DirectX: Versione 11
• Network: Connessione a banda larga
• Spazio libero su HD: 40 GB
• Scheda audio: compatibile DirectX

La trama di Get Even appare da subito piuttosto complessa: voi siete un certo Black, all’apparenza un militare ben addestrato, che si risveglia in una sorta di manicomio dopo un tentativo di salvataggio andato male. Perché siate lì e come ci siate arrivati è ignoto; l’unica consapevolezza è la presenza di un misterioso visore collegato alla vostra testa (che non potete togliere in alcun modo), mentre a guidarvi ci sarà la sospetta voce di un certo Red: un individuo in teoria desideroso di aiutarvi a recuperare la memoria perduta.

Da questa premessa già ricca di punti bui la trama si sviluppa su vari fili narrativi, in parte vivibili proprio grazie al visore che portate; il Pandora – questo il suo nome – permette infatti di “entrare” in specifiche foto correlate alle vostre esperienze, e di vagare per una sorta di hub mnemonico dove tutti gli indizi raccolti vengono accumulati su lavagne virtuali.

Condividi
Articolo precedentePrey: Campione di ottimizzazione nella versione PC
Articolo successivoLa dock di Nintendo Switch arriverà anche da noi in formato stand alone
Vice direttore di Gamesquare.it, specializzato in giochi Stealth, Action e Shooting, odia con tutto se stesso i titoli Platform (per sua innata incapacità con questo genere). Si è avvicinato al medium videoludico durante la settima generazione di console, alternando momenti di gaming compulsivo a settimane di completo relax elettromagnetico. Pur avendo un altro lavoro, dedica gran parte del suo tempo libero allo sviluppo di questa piccola realtà online.