Jackie Estacado deve lottare per recuperare l’amata Jenny, mentre il suo oscuro potere lo divora fisicamente e mentalmente

Data di uscita 1o febbraio 2012
Genere FPS
Modalità di gioco Singleplayer, Multiplayer
Piattaforme PS3, Xbox 360, PC
Sviluppato da Digital Extremes
Distribuito da 2K Games
Versione testata PS3

Il primo The Darkness è stato sicuramente uno dei titoli più trascurati dell’inizio della scorsa generazione, troppe persone non avendo letto il fumetto non lo hanno acquistato, inconsci dell’enorme potenziale che il primo episodio di questa saga aveva. Riusciva, infatti, nell’intento di raccontare le vicissitudini di Jackie Estecado, figlio di un importate boss mafioso, che dopo essere stato partecipe alla morte del padre per mano di una gang rivale, ha ricevuto in dono un potere ereditario estremamente potente: la Tenebra. Con queste premesse si è sviluppata una trama articolata e oscura tanto quanto il titolo e con questo secondo capitolo 2K ha fortunatamente tentato di riportare in auge la saga.

The Darkness II Recensione 1

“JACKIE LASCIAMI USCIRE!”

Jackie era riuscito a controllare la Tenebra, anche se la profezia diceva che nessun umano sarebbe riuscito nell’intento di prenderne il controllo, ma che nel tempo questo oscuro potere avrebbe preso pieno possesso dell’ospite trasformandolo in un terribile demone assetato di sangue e affamato di cuori. Purtroppo la profezia non sbagliava, durante una cena con due belle gemelle biondine, Jackie, nonostante la pesante scorta, finisce in un agguato, in fin di vita incontra un losco individuo che gli offre la libertà dalla Tenebra in cambio della Tenebra stessa. Jackie è tentato di accettare, ma il suo malvagio potere lo manipola dicendo che ha intrappolato Jenny in un limbo infernale e che se lui avesse donato la Tenebra sarebbe bruciata per sempre all’inferno. Jenny, ragazza di Jackie e unica persona oltre a sua Zia Sarah e il suo amico Vinny che Jackie abbia amato più di qualunque altra cosa, avrà un ruolo fondamentale in The Darkness II, chi non ha giocato il primo capitolo probabilmente non capirà nulla della trama. La storia principale è sostanzialmente lineare, se non per alcune scelte che potrebbero modificare il corso degli eventi, bella e articolata, invece, la trama, che prende a pieni mani dal fumetto e ripropone il tutto quasi meglio di come l’opera originale ha fatto.
Per la prima volta si metterà in dubbio la sanità mentale di Jackie e quindi anche la tenebra stessa, inizialmente le vicende potrebbero apparire oscure e confusionarie, ma quando avremo tutti i tasselli del puzzle capiremo ogni sfaccettatura. Il finale è un vero colpo di scena, vi farà rimanere con la voglia di sapere come proseguirà la storia e ci fa sperare in un terzo capitolo del brand.
La durata della campagna principale si attesta tra le 5 e le 8 ore a seconda della difficoltà selezionata e del tempo speso a raccogliere collezionabili. La scarsa longevità non è un male in questo caso, dato che la tensione sempre palpabile e le spettacolari scene di intermezzo terranno alta l’asticella del divertimento per l’intera durata del titolo.
La trama, seppur potrebbe ingannarvi l’idea del Cell Shading, è cupa e malsana quasi quanto quella del primo, costellata di momenti splatter con tanto di torture e blasfemie, nudità, discriminazioni e molte altre “bellezze” che fanno di The Darkness 2 uno dei giochi più violenti della scorsa generazione. La violenza non è però mai gratuita, anzi è necessaria per colpire nel segno al momento giusto. Da lodare anche la cura maniacale riservata ai dialoghi, sopratutto durante i caricamenti, nei quali Jackie ci racconterà degli eventi accaduti nella sua infanzia, facendo aumentare enormemente l’empatia che proviamo nei suoi confronti, è raro che una persona possa affezionarsi videoludicamente parlando ad un personaggio malvagio, ma 2K è riuscita a farlo.

The Darkness II Recensione 4

“STAI LONTANO DALLA LUCE!”

Il gameplay di The Darkness II ha subito sostanziali cambiamenti dovuti sopratutto al nuovo level design. Infatti, a differenza del primo capitolo, sono state abbandonate le meccaniche da free-roaming a fronte di uno stile più lineare, questa scelta da un lato fa storcere il naso, dall’altro però permette agli sviluppatori di rendere il gameplay più frenetico e più adatto al titolo. Potremo portarci dietro 3 armi alla volta, o meglio, un’arma primaria e due secondarie utilizzabili anche con due mani, ma l’offerta di armamentario che The Darkness II ci propone non finisce qui, infatti saremo sempre accompagnati dalla nostra amica Tenebra, rappresentata da due macabri serpentoni sulle nostre spalle, quando saremo al buio e lontano da fonti di luce potremo tirare fendenti per stordire i nemici per poi prenderli e finirli con una delle quattro tipologie di esecuzione, ognuna dona qualche cosa a Jackie, per esempio si può rigenerare la salute oppure recuperare munizioni. La tenebra tuttavia può anche raccogliere oggetti da terra e scagliarli contro i nemici per ucciderli oppure raccogliere dei pezzi di lamiera, degli scudi o più semplicemente delle portiere dalle auto per ripararci dai colpi nemici.
Per rigenerare la salute dovremo, come nel capitolo precedente, divorare il cuore alle nostre vittime mediante la pressione di un tasto. E’ presente anche un albero delle abilità veramente corposo, uccidendo nemici nelle maniere più cruente oppure raccogliendo reliquie potremo infatti potenziarci per diventare ancora più forti. La Tenebra però, come sapranno gli appassionati della saga, non può operare alla luce, infatti sotto una fonte luminosa saremo estremamente vulnerabili e lo schermo prenderà una tonalità bianca molto luminosa fastidiosa da vedere per darci l’idea di cosa prova Jackie. Questo crea vere possibilità di gameplay aggiuntive, infatti dovremo calcolare anche i punti luminosi e distruggerli durante uno scontro. Ora è presente anche un nostro nuovo amichetto, il Darkling, non solo potremo raccoglierlo e lanciarlo in faccia ai nemici, ma risulterà un valido alleato per aiutarci negli scontri. Infatti proseguendo nella trama sarà possibile prenderne possesso ed utilizzarlo in varie sezioni stealth veramente belle, addirittura poi il personaggio del Darkling diventerà, con lo svolgersi della trama, uno dei più importanti.
I nemici sono vari e ben caratterizzati, più si avanza nel gioco, più saranno pericolosi, così come i Boss, divertenti da affrontare sopratutto per l’esecuzione finale che Jackie compirà su di loro. L’intelligenza artificiale, invece, è sotto tono, i nemici sono molti, ma decisamente stupidi, seppur a volte riusciranno a trovare dei modi alternativi per accerchiarci o per ucciderci, nella maggior parte dei casi seguono la solita routine di trovare una copertura se equipaggiati con armi da fuoco, oppure di correrci incontro, in pieno stile spartano, con le armi bianche.
La difficoltà ai livelli più alti è comunque elevata anche grazie all’enorme danno inflitto da alcuni nemici, però essa diminuisce se si affronta il New Game + dato che i vari potenziamenti accumulati nel corso della nostra prima run ci renderanno veramente un demone sceso in terra. E’ presente anche una modalità cooperativa a 4 giocatori, seppur accessoria non delude, potremo impersonare uno dei quattro personaggi messi a disposizione, tutti ben realizzati, e avanzare nelle varie missioni uccidendo in nemici in maniera fantasiosa e divertente con i nostri amici.

The Darkness II Recensione 3

Cell Shading sì, Cell Shading no

Se a molti la scelta del Cell Shading potrebbe non piacere vista anche la bellissima grafica del titolo precedente che creava atmosfere cupe e malate, questo stile fumettoso avvicina il titolo all’opera originale, enfatizzando ancora di più la violenza, anche grazie al rosso acceso del sangue che sgorgherà a fiumi, e permettendo agli sviluppatori di inserire scene violentissime minimizzando la censura.
Tecnicamente parlando il titolo è bello da vedere tanto quanto da giocare, le animazioni facciali sono ottime, l’illuminazione è tra le migliori della scorsa generazione e le texture in generale si attestano su buoni livelli, macchiano questo lato tecnico solo un frame rate ballerino e un aliasing veramente troppo marcato.
Il comparto audio invece è lodevole, a differenza del primo The Darkness, ora il titolo è doppiato completamente in italiano, la tenebra non perde di fascino accompagnandoci per l’intera durata del titolo con frasi divertenti, ma allo stesso tempo macabre, così come il Darkling, che aggiunge un po’ di black humor al titolo, senza renderlo imbarazzante.
La colonna sonora è ottima, sempre consona con ciò che si vede su schermo e riesce nell’intento di aumentare l’epicità di alcuni momenti.

The Darkness II Recensione 2

kinguinad

PRO
Trama eccellente
Comparto audio notevole
Gameplay cruento e frenetico
Graficamente ben fatto con scelte stilistiche azzeccate…

CONTRO
… ma troppo aliasing e frame-rate ballerino su console
IA migliorabile

Commento

The Darkness 2 è veramente un ottimo prodotto, ma non per tutti.
Se da una parte è innegabile che esso rasenta la perfezione, dall’altra è comprensibile che non è per tutti gli stomaci e alcune scene all’interno del titolo potrebbero risultare insopportabili e blasfeme per molti, ma per gli amanti dell’horror e dello splatter è da acquistare a mani basse.
Il titolo riesce non solo a non deludere i fan, ma a migliorare il capitolo precedente.
9