Resident Evil Revelations 2 inizia a mostrare punti forti e punti deboli, scoprite quali sono

Data di uscita 11 Marzo 2015
Genere Survival Horror
Modalità di gioco Singleplayer,Multiplayer
Piattaforme Ps4, Ps3, XboxOne, Xbox360, PC
Sviluppato da Capcom
Distribuito da Capcom
Versione testata PS4
Cover

Benvenuti al nostro appuntamento ormai settimanale con la recensione di Resident Evil Revelations 2, quest’oggi prendiamo in esame il terzo episodio del gioco, “La condanna”, in attesa dell’episodio finale di mercoledì prossimo scopriamo insieme se le buone impressioni trasmesse dall’ultima recensione sono state rispettate.

revelations 2 episodio 3 recensione-1

Nelle puntate precedenti

Ci eravamo lasciati con Barry e Natalia davanti ad una grande scoperta che ovviamente non vi anticiperemo, vi basti sapere che Revelations 2 prende a piene mani dalla mitologia del franchise. Vi sono continui rimandi sia al precedente capitolo di Revelations, sia ai capitoli storici e questa cosa ovviamente ci è piaciuta molto.

Claire e Moira si ritrovano nelle fogne cercando di raggiungere la torre dove potrebbe trovarsi la Guardiana. In questo episodio viene ampliato il concetto di spionaggio e i rimandi al precedente capitolo con protagonista Jill Valentine sono innumerevoli.
Le due ragazze si ritroveranno poi in un mattatoio, e nonostante piscine di sangue e carni putrescenti appese alle pareti il nostro livello di timore era sotto le scarpe, l’unica cosa degna di nota è la difficoltà crescente del gioco, la regola è semplice e molti di voi la conoscono: ciò che prima era una boss fight, ora è un nemico comune.

Un sorriso un po’ nostalgico è apparso sulle nostre labbra quando abbiamo avuto a che fare con alcuni enigmi, mentre quelli per il prosieguo della storia erano semplici e di facile intuizione, abbiamo avuto qualche piccolo grattacapo per un enigma supplementare, sicuramente utile al fine di ottenere qualche bonus, poiché non era obbligatorio, ad un certo punto lo abbiamo bellamente dribblato. C’è da dire che abbiamo comunque apprezzato il tentativo.

Alla fine abbiamo affrontato una nuova Boss Fight, e dobbiamo dire che è stata impegnativa, portandoci all’esaurimento di tutte le scorte di munizioni che avevamo gelosamente custodito. Il filmato conclusivo di Claire e Moira, nonostante non fosse il cliffhanger di fine episodio ha mostrato nuovi elementi della storia dei protagonisti, cosa che ci ha piuttosto incuriosito.

resident evil revelations 2 episodio 3 recensione-2

Quando è giunto il momento di Barry e Natalia non eravamo nella pelle, la cutscene del secondo episodio ci aveva catturato e quell’adrenalina che ci aveva tenuto compagnia è stata subito dissipata. Purtroppo, per evitare spoiler, non ci è possibile spiegarvi il motivo, però lo capirete se e quando affronterete questa avventura.

Arrivati ormai al terzo episodio abbiamo notato che diventa stancante iniziare la parte di Barry e Natalia (sempre successiva a quella di Claire e Moira) sapendo già di dover affrontare il medesimo stage, anche se non mancano mai nuovi elementi: ad esempio, con Barry le fogne erano completamente prosciugate e percorrendo la strada a ritroso l’uomo e la bambina imboccano sentieri differenti, portandoci a nuovi luoghi mai visitati in precedenza.
In questo caso parliamo di un agglomerato di miniere a cielo aperto, nella speranza di non doverlo rivivere nell’ultimo capitolo nei panni di Claire dobbiamo dire che abbiamo apprezzato almeno il cambio di registro, era dal primo capitolo che Barry non percorreva luoghi inediti, la narrazione ambientale è debole e poco apprezzabile, peculiarità che avevamo riscontrato nel secondo episodio.

Anche qui alla fine ci ha atteso una Boss Fight, abbastanza ardua, anche perché il Boss si era portato della compagnia e dobbiamo dire che i nemici della campagna di Barry sono sempre più tosti, poiché proporzionati alla potenza di fuoco dell’uomo, maggiore rispetto a quella di Claire.
La cutscene finale è stata ben congegnata, anche se nella nostra mente i pezzi del puzzle si erano già uniti ed avevamo intuito subito come sarebbe andata a finire. Attendiamo l’ultimo capitolo che ci permetterà di capire se il finale sarà all’altezza di una trama comunque non troppo scontata.

revelations 2 episodio 3 recensione-3

Questo capitolo ha voluto esplorare e far conoscere soprattutto i due nuovi personaggi: Moira e Natalia. Come abbiamo detto nei precedenti capitoli, il confronto è a favore della piccola bambina, personaggio ricco di sfaccettature a cui però è difficile non affezionarsi, dato il suo aspetto immacolato ed il suo ruolo all’interno della trama.
La figlia di Barry risulta invece un personaggio troppo debole, in cui sono presenti tutti i cliché della ragazza con un rapporto di odio/amore col padre e c’è ben poco da aggiungere. E’ sufficiente aver visto qualche film con Lindsay Lohan o Hilary Duff per capire di cosa stiamo parlando, ed il paragone non è benevolo.

revelations 2 episodio 3 recensione-4

…E tu vivrai nel terrore!

Siamo rimasti estremamente delusi dal mancato utilizzo di ambientazioni degne di un gioco Horror. Abbiamo percorso probabilmente le fogne più illuminate di tutto il globo, per quanto riguarda le miniere: percorrere un luogo all’aperto, illuminato dalla luce del giorno e con i nemici visibili da lontano non porta alcuna tensione.
Eppure ogni tanto l’impegno in certi frangenti si può notare. il mattatoio era comunque apprezzabile ed un particolare cimitero sotterraneo, tra l’altro legato all’enigma supplementare sopracitato, ci aveva trasmesso la voglia di allontanarci subito da quelle stanze, eppure queste atmosfere non sono state ampliate e sfruttate. Resident Evil non solo è cambiato molto nel tempo, ma sembra aver smarrito la propria personalità, ci ritroviamo di fronte ad un buon gioco, che si lascia giocare ed intrattiene, ma che fondamentalmente non sa in quale direzione dirigersi e a quale utenza rivolgersi.

Infine da segnalare i consueti aggiornamenti alla modalità Raid, troveremo quindi personaggi nuovi da livellare e missioni del giorno dedicate.

resident evil revelations 2 episodio 3 recensione-5

PRO
Natalia è un personaggio molto interessante…
La trama si ricollega a tutta la saga di Resident Evil
Piacevole la presenza di qualche enigma…

CONTRO
… peccato che non si possa dire lo stesso di Moira
Alcune ambientazioni mancano completamente di atmosfera
… alcuni di essi troppo semplici

Commento

Il terzo episodio di Revelations 2 smorza qualche entusiasmo provato col cliffhanger dell’episodio precedente, lavora invece sui personaggi, e se da un lato Natalia rimane impressa nella mente, Moira ha una caratterizzazione fin troppo debole. Secondo il nostro personale parere la Burton sembra trascinare con sé anche Claire, non ci resta che darci appuntamento alla prossima settimana con l’ultimo episodio.
7