Parlare del nuovo capitolo di una saga non è mai cosa semplice, soprattutto se questa è in possesso di una struttura ben definita e che stenta ad affrontare dei seri cambiamenti. Se si parla di Far Cry, inoltre, entra in gioco un profondo apprezzamento da parte di un segmento di mercato non indifferente. Non stupisce quindi che anche noi fossimo impazienti di mettere le mani sulla nuova opera di Ubisoft, tuttavia all’hype si è da sempre affiancata la consapevolezza che qualcosa nella formula dovesse cambiare. Far Cry 5 sarà riuscito nell’intento di portare una vera ventata d’aria fresca nel franchise? Imbocchiamo la prossima uscita verso Hope County e scopriamolo.

Guai in Paradiso

Abbandonate le isole tropicali e la selvaggia preistoria, Far Cry 5 ci porta ad Hope County, una contea del Montana. Il nostro alter ego, vice dello sceriffo, ed altri suoi colleghi sono stati chiamati ad intervenire per arrestare Joseph Seed, il capo dell’Eden’s Gate: una setta religiosa che si prepara per l’arrivo di un fantomatico “Collasso”.
Come ci si potrebbe aspettare le cose non tardano a prendere una brutta piega e presto ci ritroveremo separati dalla nostra squadra, i cui membri sono finiti nelle mani degli Araldi del sedicente Padre Joseph. Sarà quindi nostro compito fermare la follia degli Edeniti e liberare Hope County, così come i nostri compagni.

Far Cry 5 Recensione 04La storia di Far Cry 5 presenta un’interessante variazione dei temi, seppur non brilli particolarmente per originalità. Ciò nonostante ad assistere la trama c’è un ottimo cast, soprattutto per quanto riguarda gli antagonisti. La famiglia Seed è circondata da un’aria di lucida follia, ogni membro ha le sue ragioni e crede fermamente che il suo agire sia volto al raggiungimento di un risultato superiore, al di là delle atrocità che è necessario compiere per farlo. La sensazione che ne deriva è quella di un insieme di antagonisti ben caratterizzati e, soprattutto, davvero apprezzabili.
Far Cry 5 Recensione 05Encomi vanno spesi anche per gli alleati che è possibile incontrare nel corso dell’avventura. Questi sono ben riconoscibili e memorabili a modo loro, siano essi un veterano un po’ svitato o uno scienziato convinto di poter comunicare con gli alieni.
Altrettanto carismatici risultano alcuni dei personaggi che è possibile aggiungere al roster di compagni d’arme da impiegare in battaglia. I nove specialisti in questione hanno le proprie ragioni per combattere gli Edeniti e delle abilità uniche per mettere a ferro e fuoco Hope County. Purtroppo le capacità del roster non è all’altezza del suo carisma, principalmente a causa di un’intelligenza artificiale dalla qualità opinabile. Sono esemplari, in questo senso, i molti casi in cui i nostri alleati si sono gettati in pasto al nemico o tra le fiamme senza ragionealcuna, passando (temporaneamente) a miglior vita.

Far Cry 5 Recensione 01Ubisoft ha cercato di portare qualche ulteriore pizzico di novità nella storia, aggiungendo la possibilità di creare e personalizzare il protagonista. L’editor non lascia molta scelta e risulta particolarmente deludente, specie considerando che questa soluzione ha portato alle realizzazione di un personaggio “vuoto” e che si tratta di una delle nuove aggiunte nella serie. Risulta piacevole, invece, il guardaroba a cui attingere per vestire il Vice (così è chiamato il nostro avatar ndr.), che vanta una discreta selezione di indumenti combinabili per creare dei look unici.
Al giocatore è stata rimessa la scelta dell’ordine con cui affrontare i tre Araldi e liberare le rispettive regioni della mappa, il che lascia effettivamente un maggior grado di libertà, ma conduce alla sistematica ripetizione di una struttura quasi del tutto identica per tre volte: una condizione tollerabile ma che certamente risulta difficile da ammirare. Fondamentalmente ci si ritrova a dover incrementare il livello della Resistenza in una specifica zona, completando missioni ed attività secondarie, incrociando diverse volte l’Araldo di turno, che svela parte della sua backstory e della sua morale, prima di giungere al confronto finale con il suddetto.
Nonostante questa scelte discutibili, Far Cry 5 può vantare una buona varietà nelle missioni principali, che consistono in compiti più articolati per sconfiggere gli Edeniti ed aiutare la Resistenza. A questa categoria, ad esempio, appartengono le missioni che comportano l’ampliamento del roster di personaggi che ci possono accompagnare, così come i compiti legati allo scontro con i diretti sottoposti del Padre. Purtroppo, non è tutto oro quel che luccica, come dimostra la qualità di alcuni compiti principali, che si sono rivelati tediosi e poco appaganti.

Far Cry 5 Recensione 02

In the Garden of Eden

Far Cry 5 Recensione 03

Hope County, la location della nuova opera di Ubisoft, è senza dubbio uno dei punti di forza di Far Cry 5. La contea del Montana è una mappa dall’indiscutibile bellezza, capace di regalare scorci meravigliosi. Sono molte le volte che abbiamo scelto di non sfruttare uno dei numerosi punti per il viaggio rapido, unicamente per rifarci gli occhi passando per i boschi o per goderci la vista dalla cima di un promontorio. Oltre a ciò, Hope County offre un gran numero di attività in cui cimentarsi, che contribuiscono ad incrementare le ore di gioco.
Tra le tante “distrazioni” a cui ci si può dedicare sono presenti caccia e pesca, particolarmente utili per ottenere materiali da vendere, anche se diventeranno molto meno incisive giunti alla seconda metà dell’avventura. Più interessanti si sono rivelate le ricerche delle scorte dei prepper (quelle persone che si preparano alle emergenze ammassando scorte ndr.), le quali si configurano come dei veri e propri puzzle ambientali da risolvere per giungere al bottino.
Ovviamente, non possono mancare le missioni secondarie, il cui ragguardevole numero, purtroppo, non è accompagnato da una qualità costante. Sebbene diverse di queste si siano rivelate divertenti da portare a termine, se non altro per i peculiari figuri ad esse legate, in molti casi si ha a che fare con incarichi ripetitivi o poco entusiasmanti, per lo più inerenti alla raccolta di oggetti e risorse o all’eliminazione di Edeniti in una specifica area.
Va citato assolutamente il tentativo da parte di Ubisoft di innovare, almeno parzialmente, la formula. Finalmente sono scomparse dalla circolazione le contestatissime “torri”, mentre gli avamposti risultano meglio integrati nel mondo di gioco, benché non presentino alcuna vera novità per quanto riguarda la loro liberazione. Degna di nota è anche la possibilità di ricevere informazioni sulle attività disponibili dagli NPC, una funzione che insieme alle molte note e registrazioni sparse, contribuisce a rendere ancor più immersiva Hope County.

Far Cry 5 Recensione 07In Far Cry 5 è anche presente un sistema di progressione del personaggio basato sui cosiddetti “Tratti”: migliorie o abilità uniche per aumentare le capacità del personaggio. Ogni tratto per essere sbloccato richiede la spesa degli appositi punti, acquisibili da diverse fonti. Possiamo dire di essere di fronte ad una componente abbastanza flessibile (solo alcuni tratti richiedono il completamento di specifici obiettivi ndr.), tuttavia non tutti i potenziamenti si sono rivelati particolarmente utili. Ciò, inevitabilmente, conduce ad una serie di scelte preferibili relative a cosa sbloccare subito e cosa non degnare di attenzione, una situazione che non dovrebbe presentarsi.
Far Cry 5 Recensione 06Risulta invece ampia e varia la selezione di armi e veicoli a disposizione del giocatore: nel corso dell’avventura è possibile imbracciare e personalizzare un corposo numero di bocche da fuoco, adatte per molti approcci e situazioni diverse. Allo stesso modo Far Cry 5 permette di mettersi al volante di moltissimi veicoli diversi (anche in questo caso personalizzabili), con una novità di tutto rispetto: gli aerei. A completare l’arsenale ci pensano esplosivi, consumabili e munizioni speciali, che in molti casi non rivestono un ruolo centrale negli scontri, scadendo nella superficialità.
L’intera esperienza di gioco è accompagnata da un comparto grafico d’eccezione, capace di appagare la vista anche su console, pur mantenendo un frame rate solido anche nelle sequenze più concitate, che solo in alcuni casi ha mostrato dei cali evidenti. L’ottimo lato estetico del titolo non è però privo di limitazioni, come dimostra il numero abbastanza risicato di modelli utilizzati per gli NPC.
Va anche segnalata la presenza di diversi bug, alcuni dei quali si sono rivelati piuttosto fastidiosi, benché non compromettano eccessivamente la giocabilità.
Infine, possiamo dire che quanto abbiamo scritto per l’intelligenza artificiale dei comprimari può essere esteso a tutti i personaggi che si incontrano nelle scorribande ad Hope County. I nemici infatti non sono capaci di rappresentare una vera sfida se non in gran numero, rimanendo al contempo facili da aggirare e prendere di sorpresa, non che la difficoltà aumenti nel caso in cui ci si trovi al centro di uno scontro aperto. Per quanto riguarda i nostri fidi compagni della Resistenza, si tratta di mera carne da cannone, capace almeno di non intralciare il giocatore, ma non si può certo dire che si ha a che fare un un elemento ben realizzato.

Far Cry 5 Arcade Recensione 01

Insert Coin

Fino a questo punto abbiamo parlato di Far Cry 5 come di un’opera dall’indubbia capacità di intrattenere, nonostante rimanga ancorata ai canoni della serie. Ciò che però non è emerso è la sua seconda natura, forse meno palese, di “base da cui partire”, incarnata dalla modalità Arcade. Questa componente del titolo consente di realizzare mappe e condividerle con tutta la community, che può poi giocarle e valutare l’operato.
Far Cry 5 Arcade Recensione 02La serie di Far Cry non è nuova ad editor per le mappe, ma di certo quello contenuto in Arcade è il più potente visto fino ad ora. Come ci si potrebbe aspettare è possibile personalizzare il campo di gioco agendo su molti aspetti, come la conformazione del terreno e la flora. A queste opzioni, Ubisoft ha aggiunto una vasta libreria di oggetti estrapolati da altri suoi brand, come Watch Dogs e Assassin’s Creed. In Far Cry Arcade è anche possibile agire sulla partita legata alla mappa, definendone: modalità di gioco, modificatori tipo di contenuto (giocatore singolo e co-op o PvP) e molto altro. In definitiva, l’editor offerto da Far Cry Arcade è uno strumento davvero profondo se messo nelle giuste mani, nonostante non sia semplicissimo da utilizzare (specie con un controller) e presenti qualche pecca, come alcuni rallentamenti che possono insorgere durante la creazione.
Anche se è impossibile dare un giudizio complessivo relativamente ai contenuti giocabili in Arcade, data la variabilità dell’esperienza, possiamo affermare che è capace di intrattenere a lungo e, se ben supportata, potrebbe riuscire ad ampliare il ciclo di vita dell’opera.
E’ doveroso sottolineare che questo contenuto porta con sé le medesime problematiche della modalità Storia per quanto riguarda bug e qualità dell’intelligenza artificiale, in più abbiamo notato che il multiplayer competitivo risulta del tutto trascurabile, dimostrandosi una mera aggiunta senza lodi e incapace di dare qualcosa di davvero distintivo.

PRO
Hope County è magnifica
Tante attività a cui dedicarsi…
Qualche gradevole novità…
Far Cry Arcade promette di tenere impegnati per molto
CONTRO
Intelligenza artificiale di scarsa qualità
…ma non tutte interessanti
…anche se la formula non ha subito migliorie significative
Alcuni bug fastidiosi
Panoramica Recensione
Valutazione
8.0
Articolo precedentePresto nuovi contenuti su Prey?
Articolo successivoDisponibile la Special Operation I per Ghost Recon Wildlands
Fabrizio Rizzo
Accanito videogiocatore da quando aveva tre anni, InkWolf ama studiare l'arte che si cela dietro lo sviluppo di un gioco, così come l'applicazione di innovative o peculiari pratiche di game design. InkWolf è profondamente legato a molti generi, giochi e sviluppatori diversi. Il suo sogno è quello di salire sul palco dell'E3 per presentare un suo progetto...un giorno...