Nonostante sia passata solo una settimana dal lancio di Overwatch, Blizzard si è già dovuta mettere al lavoro per fronteggiare i cheater, come aveva già annunciato prima del lancio, la politica è di tolleranza zero, dato che il ban permanente dal gioco attende i bari.

Il tutto si sta svolgendo come una “guerra silenziosa” dato che lo studio non pubblicizza questa attività e agisce in silenzio ma in maniera costante, non essendoci comunicati ufficiali al riguardo è possibile reperire aggiornamenti solo sui forum e su Reddit; a testimonianza dell’attività di controllo e “correzione”.