Dal Canada arrivata una nuova storia di degrado generazionale. Un ragazzo diciassettenne ha speso la modica somma di 7.625,88 dollari in microtransazioni su FIFA (non è stato specificato quale dei tanti, ma si sospetta il 16), utilizzando la carta di credito fornita dal padre, un certo Lance Perkins, per le emergenze e gli acquisti di famiglia. Perkins, che va eletto a padre dell’anno, giustifica il figlio dicendo che pensava si trattasse di un singolo acquisto che gli permetteva l’accesso a tutte le feature, quindi non una serie di microtransazioni. Ma la storia non finisce qui e sembra prendere una piega piuttosto drammatica, perché la banca a cui fa capo la carta di credito non ha alcuna intenzione di annullare il pagamento effettuato, se non a seguito di una denuncia a carico di suo figlio per frode. Intanto il padre ha deciso di dichiarare guerra al mondo dei videogiochi, promettendo che mai più una console entrerà all’interno della sua casa. Nel frattempo Microsoft sta valutando attentamente la situazione, in quanto il ragazzo in questione risulta essere minorenne. Come andrà a finire questa storia?

FIFA 16 2

Condividi
Articolo precedenteShadow of the Beast e Alienation sono stati rimandati di quasi un mese
Articolo successivoNovità del Playstation Store

Nato nel ’92 e cresciuto a forza di FPS e GDR, oggi è un PCista convinto esperto di Sparatutto, Platform, MMO e RPG. Appassionato tanto ai videogiochi quanto all’informatica, Kley gestisce ogni aspetto tecnico di Gamesquare.it e scrive articoli su hardware e videogiochi. Il gioco che ha amato di più è Lineage 2, ma oggi sbava al solo vedere StarCraft 2 e Ori and the Blind Forest…attenti alla saliva che cola!