Fin dal lancio il più grande tallone d’Achille di Nintendo Switch è forse stato lo scarso supporto di Nintendo ai vari servizi multimediali. Ancora oggi non vi sono le app per lo streaming video più utilizzate come Netflix, ma neanche quelle basilari come Youtube (disponibile ironicamente invece sia sul 3ds che su wii u) e a quanto pare c’è ancora molto da aspettare.

La dichiarazione arriva direttamente da Nitendo attraverso un intervista concessa a Bloomberg direttamente dal presidente di Nintendo of America, Reggie Fils-Aime. Il presidente ha annunciato di aver avviato una trattativa, ma che attualmente il supporto a questi servizi non è considerato come un obiettivo prioritario.

Nintendo Switch Recensione

A seguire la dichiarazione estrapolata dall’intervista:

“Quando abbiamo lanciato Switch, eravamo molto chiari sul fatto che volevamo incentrare la nostra strategia sui videogiochi. L’abbiamo fatto, e solo dopo abbiamo inserito Hulu, per esempio. In termini di altri servizi, le discussioni sono in corso. Non abbiamo nulla da annunciare adesso. Ma certamente quei servizi arriveranno a tempo debito.”