Fare una classifica è sempre complicato, soprattutto quando si parla di musica, dove il gusto personale entra più che in ogni altro ambito legato ai videogiochi. Una pratica rischiosa, che mette spesso alla gogna, in balia di insulti e pomodorate da parte di coloro in disaccordo. Ma se c’è una cosa che ho sempre voluto fare anche rischiando di andare incontro a critiche, era raccogliere tutte le musiche che hanno segnato il mondo dei videogiochi in qualche modo, le più belle insomma, ma non nel senso assolutistico del termine, piuttosto nella dimensione strettamente personale di chi scrive.

La classifica che leggerete, o meglio ascolterete, in queste pagine raccoglie 50 brani tra i più belli della storia dei videogiochi. È importante far presente i criteri di scelta: c’è stato un grande lavoro di ricerca e di ascolto durato decine d’ore ed è stato scelto un singolo brano per ogni gioco o serie, quello ritenuto più rappresentativo. Non sono state prese in considerazione musiche create dai fan, remix oppure altre canzoni licenziate che sono state utilizzate nella colonna sonora di un determinato gioco. Ovviamente i brani sono stati scelti soprattutto in base all’esperienza personale, quindi è possibile che ci siano mancanze, anche eccellenti, all’interno della top 50. Ecco perché il vostro aiuto è fondamentale, proponete, offrite la vostra idea di musiche più belle, partecipate ad una raccolta nella quale anche voi con i vostri commenti siete i protagonisti. Cerchiamo di dare lustro ad una importante componente di ogni videogioco che spesso è messa in secondo piano, ma che in realtà è un collante tra le emozioni del giocatore e quelle virtuali. Non mi resta che augurarvi un buon ascolto.

50Gears of War 2 – Hope Runs Deep (Steve Jablonsky)

La nostra classifica si apre con un’esclusiva Xbox che insieme al suo predecessore ha riscritto i canoni degli sparatutto in terza persona. Il brano, composto da Steve Jablonsky, rappresenta al meglio lo stato del pianeta Sera dopo l’invasione delle crudeli locuste. Cori lontani, come lamenti nelle profondità della terra, miscelati a sonorità più incalzanti: è la marcia di Marcus Fenix e dei suoi COG, in una impari guerra per la vendetta e la redenzione.

Indietro