More

    La traduzione italiana per Addio Deponia è stata finanziata con successo

    Buone notizie per tutti i videogiocatori italiani che vogliono godersi nella lingua del Belpaese Addio Deponia, un’interessante avventura grafica sviluppata da Daedalic Entertainment. Pare infatti che la traduzione italiana curata da Deponia Italia sia stata finanziata con successo e abbia raggiunto quota 15.000 euro, così anche il terzo capitolo della trilogia parlerà in un ottimo italiano. Vi invitiamo a visitare la pagina di Eppela se siete interessati a donare qualcosa, per far raggiungere al progetto lo stretch goal che prevede il doppiaggio dei contenuti bonus, dei commenti degli sviluppatori e delle canzoni. Appare quasi impossibile, invece, il raggiungimento del traguardo che permetterebbe la traduzione nella nostra lingua di Silence.

    Addio Deponia

    Articoli recenti

    Il viaggio di Gamesquare.it è giunto al termine

    Gamesquare.it è arrivato alla fine del suo viaggio, è stata una bellissima esperienza, ma per varie motivazioni ci vediamo costretti a chiudere.

    Recensione Shining Resonance Refrain

    Shining Resonance Refrain ci mette alla guida di Yuma, ragazzo dentro il quale risiede lo spirito di un dragone, con il quale ci avventureremo in una storia piena di lacrime e sorrisi.

    Recensione Moonlighter – Il prezzo è giusto

    La nostra recensione di Moonlighter, rivoluzionario action RPG di Digital Sun e 11 bit Studios che ci metterà nei panni di uno strano avventuriero.

    I migliori 10 jRPG retrò

    Siete curiosi di vedere com'erano i jRPG fino a pochi anni fa? Con questa top 10 potrete rivivere gli anni d'oro del genere!

    Recensione The Spectrum Retreat

    La nostra recensione di The Spectrum Retreat, clasutrofobico puzzle game partorito dalla giovane e promettente mente di Dan Smith

    Dettagli sulla settima stagione di For Honor

    Sarà a breve disponibile la settima stagione di For Honor, ricca di novità e miglioramenti vari.
    Daniele D'Orefice
    Daniele D'Orefice
    Scrive della sua passione da quando aveva quattordici anni, dapprima su forum sperduti nella rete, e poi in realtà più note ed affermate. Adora i giochi di ruolo, gli strategici e gli immersive sim. Si lascia conquistare anche dalla scena indipendente.