More

    La PlayStation Experience vi ha delusi? Shuhei Yoshida spiega la scarsa presenza di annunci di peso

    Come abbiamo visto la PlayStation Experience è stata povera di annunci blasonati tipici di eventi come l’E3, ma secondo Shuhei Yoshida, il presidente di Sony Worldwide Studios, il motivo risiede proprio nella natura della manifestazione.

    Infatti durante un panel Yoshida ha spiegato che la PlayStation Experience è più un evento dedicato alla community, un luogo dove dare più spazio a giochi di portata minore, come MBL: The Show o Fat Princess Adventures. Inoltre sostiene che Sony abbia annunciato tanti titoli nel 2015, e che quindi non ci fosse il bisogno di utilizzare tale evento come trampolino di lancio per titoli di calibro maggiore.

    shuhei_yoshida_ 1

     

    Articoli recenti

    Il viaggio di Gamesquare.it è giunto al termine

    Gamesquare.it è arrivato alla fine del suo viaggio, è stata una bellissima esperienza, ma per varie motivazioni ci vediamo costretti a chiudere.

    Recensione Shining Resonance Refrain

    Shining Resonance Refrain ci mette alla guida di Yuma, ragazzo dentro il quale risiede lo spirito di un dragone, con il quale ci avventureremo in una storia piena di lacrime e sorrisi.

    Recensione Moonlighter – Il prezzo è giusto

    La nostra recensione di Moonlighter, rivoluzionario action RPG di Digital Sun e 11 bit Studios che ci metterà nei panni di uno strano avventuriero.

    I migliori 10 jRPG retrò

    Siete curiosi di vedere com'erano i jRPG fino a pochi anni fa? Con questa top 10 potrete rivivere gli anni d'oro del genere!

    Recensione The Spectrum Retreat

    La nostra recensione di The Spectrum Retreat, clasutrofobico puzzle game partorito dalla giovane e promettente mente di Dan Smith

    Dettagli sulla settima stagione di For Honor

    Sarà a breve disponibile la settima stagione di For Honor, ricca di novità e miglioramenti vari.
    Marco D'amico
    Marco D'amico
    Sognatore disincantato, ama la libertà d’azione e l’esplorazione, odia le etichette e la disinformazione. Approdato recentemente nel mondo della critica videoludica cerca di trasferire in tutto quello che fa un’acuta riflessione sul medium e un pizzico di fantasia, crede fermamente nella “nobilitazione” del videogioco.