Capcom, tramite una nuova patch, ha deciso di estendere il numero delle CPU compatibili con Resident Evil 7.

La versione PC del titolo ora può girare bene anche su configurazioni basate su CPU più vecchie, il tutto rimuovendo la compatibilità obbligatoria con SSSE3 SIMD, set di istruzioni legate ai processori Intel Xeon, Core, Celeron e Pentium.

Condividi
Articolo precedenteEcco un trailer per i nuovi contenuti di Final Fantasy XV
Articolo successivoNuovo trailer “Guard” per The Legend of Zelda: Breath of the Wild
Vice direttore di Gamesquare.it, specializzato in giochi Stealth, Action e Shooting, odia con tutto se stesso i titoli Platform (per sua innata incapacità con questo genere). Si è avvicinato al medium videoludico durante la settima generazione di console, alternando momenti di gaming compulsivo a settimane di completo relax elettromagnetico. Pur avendo un altro lavoro, dedica gran parte del suo tempo libero allo sviluppo di questa piccola realtà online.