More

    In Rise of the Tomb Raider avremo un mondo vasto senza caricamenti

    Rise of the Tomb Raider

    Il game director di Rise of the Tomb Raider, Brian Horton, durante una intervista ha affermato che la mappa di gioco sarà molto vasta e completamente esplorabile senza alcun caricamento tra le diverse aree.

    Dunque le uniche pause si avranno durante le cutscene, morendo o concludendo la partita:

    Come nel Tomb Raider precedente abbiamo creato un’esperienza fluida, appena iniziate una nuova partita a meno che il personaggio non muoia o non si esca dal gioco l’esperienza è priva di stacchi durante l’intera storia. Vogliamo immergere il giocatore nel mondo il prima possibile e farlo passare di missione in missione in un modo quanto più fluido possibile.

    Gli spazi da esplorare sono tre volte più ampi di quelli del capitolo precedente e le tombe sono molto più grandi, stiamo applicando quello che definiamo un approccio nidificato ai puzzle (Nested Puzzle Approach), che significa che ci saranno molti puzzle che si collegano l’uno all’altro per contribuire alla soluzione di puzzle più grandi.

    Articoli recenti

    Gaetano Speranza
    Gaetano Speranza
    Vice direttore di Gamesquare.it, specializzato in giochi Stealth, Action e Shooting, odia con tutto se stesso i titoli Platform (per sua innata incapacità con questo genere). Si è avvicinato al medium videoludico durante la settima generazione di console, alternando momenti di gaming compulsivo a settimane di completo relax elettromagnetico. Pur avendo un altro lavoro, dedica gran parte del suo tempo libero allo sviluppo di questa piccola realtà online.