Data di uscita 6 Giugno 2017
Genere Avventura
Modalità di gioco Singleplayer
Piattaforme PC, PS4, Xbox One
Sviluppato da TellTale Games
Distribuito da TellTale Games
Versione testata PC
Cover

Dopo un primo episodio interessante e ricco di potenzialità, Telltale Games ha rilasciato Under Pressure, secondo episodio della serie dedicata ai Guardiani della Galassia, un successo della Marvel che ha conquistato milioni di persone soprattutto con l’arrivo nelle sale di due film, l’ultimo dei quali pubblicato in concomitanza con l’uscita del primo episodio. Under Pressure è il classico episodio di intermezzo, durante il quale Telltale tende a dare maggiore spazio alle storie dei singoli personaggi senza accumulare troppi sviluppi attorno alla trama principale; ed è proprio questo tipo di episodi che solitamente tende a lasciar desiderare, costituendo il semplice passaggio verso le puntate più “grosse”. Sarà riuscita Telltale a sfatare questo mito? Scopriamolo in questa nuova recensione.

Dopo aver recuperato e protetto l’Eternity Forge da Hala, capo dei Kree, la cui intenzione è quella di sfruttare il potere della reliquia per rendere il suo popolo la grande civiltà di un tempo, Peter Quill (Starlord per i più) rimane mortalmente ferito. Nonostante i suoi compagni avessero già perso ogni speranza di poterlo salvare, Quill viene miracolosamente resuscitato dal potere dell’Eternity Forge. Dopo averne scoperto l’enorme potere, i Guardiani della Galassia decidono di mettersi all’opera per scoprire tutti i segreti di quell’oggetto tanto piccolo quanto potente.

guardians-of-the-galaxy

Guardiani con poco mordente

Come detto in precedenza, Under Pressure, in quanto secondo episodio di una serie che necessita di “decollare” verso sviluppi di trama più interessanti e complessi di quanto mostrato nel primo capitolo, si trova in una posizione difficile e al contempo sfortunata: Telltale purtroppo non è stata in grado di migliorare il proprio atteggiamento con gli episodi di intermezzo. Una “magagna” fissa di questa software house, ma che qui si trova eccessivamente amplificata, anche a causa di un primo episodio che gettava delle ottime basi ma che non bastava a decretare la validità della serie. Tuttavia, il più grande paradosso e il più grande buco di questo secondo episodio è la mancanza di sintonia ed armonia tra le scene drammatiche e le scene comiche: i Guardiani della Galassia hanno da sempre dimostrato di essere la serie più “comica” prodotta da Marvel, intento che si è poi propagato sia nei film sia nel primo episodio del titolo Telltale. L’intento va a cozzare però con delle scelte forse discutibili riguardo il modo in cui sono state proposte le scene più toccanti, in particolare per quanto riguarda gli avvenimenti legati a Rocket e l’instabile rapporto tra Nebula e Gamora: l’alternanza tra scene e dialoghi comici e le sfumature drammatiche spesso lascia a desiderare, con passaggi troppo bruschi da una parte all’altra, problema che invece non persiste nella trasposizione cinematografica. Si spera che la software house riesca ad aggiustare un po’ il tiro con gli episodi successivi, nonostante il finale lasci intravedere degli spiragli di luce.

guardians-of-the-galaxy

Le sfumature grigie legate agli sviluppi narrativi si riflettono anche sulla debolezza delle scelte che potremo intraprendere nel corso della nostra avventura: nonostante il problema persista dal primo episodio, si può notare in particolare in alcune scelte attuabili in Under Pressure, le quali danno l’impressione di essere completamente ininfluenti ai fini della trama e della caratterizzazione dei personaggi.

Mentre dal punto di vista del gameplay non si sono registrati cambiamenti o miglioramenti se non una piccola diminuzione del numero di QTE presenti, diverso è il discorso riguardante il lato tecnico, che può contare su una stabilità generale migliore del primo episodio e su una colonna sonora più coinvolgente e adatta ad ogni situazione presente.

 

Configurazione di prova

Processore Intel Core i7-6700HQ
Scheda Video Nvidia GTX 960M 4 GB
Memoria 16 GB
OS Windows 10 64bit

Requisiti Minimi

Processore Intel Core 2 Duo 2.4 GHz
Scheda Video Nvidia GTS 450+ with 1024MB+ VRAM (excluding GT)
Memoria 3 GB
OS Windows 7
PRO
La serie ha un gran potenziale
I Guardiani sono sempre divertentissimi
CONTRO
Pochi sviluppi importanti per la trama
Le scelte appaiono poco incisive

Commento

Purtroppo, Under Pressure rappresenta il classico secondo episodio delle serie TellTale: la software house non è stata in grado di smuovere dalle sabbie mobili questo capitolo, che mostra troppe sfumature grigie fin dall’inizio, con pochi spunti davvero interessanti e nessun colpo di scena risollevare la situazione. Non fraintendiamoci: si tratta comunque di un buon episodio che sottolinea le potenzialità della serie Marvel, ma ci vorrà ben di più per elevare la serie e permetterle di raggiungere i picchi toccati da altri titoli della software house.
6.5