More

    Gli ex-Irrational Games stanno lavorando ad un nuovo titolo

    A quanto pare gli ex-Irrational Games stanno cercando personale per un nuovo progetto molto simile ad un Bioshock. Infatti alcuni utenti di NeoGAF sono andati a controllare tra gli annunci di lavoro pubblicati da Take-Two, e hanno scovato un titolo in cantiere di un possibile sparatutto in soggettiva dalla forte impronta narrativa con alcuni elementi RPG in termini di abilità ed evoluzione del personaggio, tutto costruito su Unreal Engine 4.

    In attesa di maggiori dettagli, siamo contenti che Ken Levine e il suo team stiano lavorando a qualcosa di nuovo, visti i risultati raggiunti con la serie Bioshock, che sarà probabilmente, come si evince dall’ idea, precedentemente diffusa, una produzione di dimensioni ridotte studiata per il digital delivery.

    Bioshock

     

    Articoli recenti

    Il viaggio di Gamesquare.it è giunto al termine

    Gamesquare.it è arrivato alla fine del suo viaggio, è stata una bellissima esperienza, ma per varie motivazioni ci vediamo costretti a chiudere.

    Recensione Shining Resonance Refrain

    Shining Resonance Refrain ci mette alla guida di Yuma, ragazzo dentro il quale risiede lo spirito di un dragone, con il quale ci avventureremo in una storia piena di lacrime e sorrisi.

    Recensione Moonlighter – Il prezzo è giusto

    La nostra recensione di Moonlighter, rivoluzionario action RPG di Digital Sun e 11 bit Studios che ci metterà nei panni di uno strano avventuriero.

    I migliori 10 jRPG retrò

    Siete curiosi di vedere com'erano i jRPG fino a pochi anni fa? Con questa top 10 potrete rivivere gli anni d'oro del genere!

    Recensione The Spectrum Retreat

    La nostra recensione di The Spectrum Retreat, clasutrofobico puzzle game partorito dalla giovane e promettente mente di Dan Smith

    Dettagli sulla settima stagione di For Honor

    Sarà a breve disponibile la settima stagione di For Honor, ricca di novità e miglioramenti vari.
    Marco D'amico
    Marco D'amico
    Sognatore disincantato, ama la libertà d’azione e l’esplorazione, odia le etichette e la disinformazione. Approdato recentemente nel mondo della critica videoludica cerca di trasferire in tutto quello che fa un’acuta riflessione sul medium e un pizzico di fantasia, crede fermamente nella “nobilitazione” del videogioco.