More

    Ecco perché Blizzard ha abbandonato la formula free-to-play in Overwatch, nuovo video

    Jeff Kaplan, game director di Overwatch, ha rivelato in un’intervista i motivi dietro all’abbandono dell’idea di proporre l’FPS come titolo free-to-play. Gli eroi, ha spiegato Kaplan, sono molto importanti nell’evolversi di un match ed è necessario poterli cambiare a partita inoltrata per contrastare più efficacemente la formazione nemica. Perciò Blizzard ha reputato più opportuna proporre il gioco a pagamento con tutti e 21 gli eroi già sbloccati per evitare sbilanciamenti di sorta.

    Tutto ciò non esclude però l’arrivo di contenuti a pagamento (sappiamo che saranno presenti le skin) che andranno incontro alle esigenze degli utenti.

    Vi lasciamo qui in basso il video making of per la realizzazione dei corti animati di Overwatch:

    Articoli recenti

    Il viaggio di Gamesquare.it è giunto al termine

    Gamesquare.it è arrivato alla fine del suo viaggio, è stata una bellissima esperienza, ma per varie motivazioni ci vediamo costretti a chiudere.

    Recensione Shining Resonance Refrain

    Shining Resonance Refrain ci mette alla guida di Yuma, ragazzo dentro il quale risiede lo spirito di un dragone, con il quale ci avventureremo in una storia piena di lacrime e sorrisi.

    Recensione Moonlighter – Il prezzo è giusto

    La nostra recensione di Moonlighter, rivoluzionario action RPG di Digital Sun e 11 bit Studios che ci metterà nei panni di uno strano avventuriero.

    I migliori 10 jRPG retrò

    Siete curiosi di vedere com'erano i jRPG fino a pochi anni fa? Con questa top 10 potrete rivivere gli anni d'oro del genere!

    Recensione The Spectrum Retreat

    La nostra recensione di The Spectrum Retreat, clasutrofobico puzzle game partorito dalla giovane e promettente mente di Dan Smith

    Dettagli sulla settima stagione di For Honor

    Sarà a breve disponibile la settima stagione di For Honor, ricca di novità e miglioramenti vari.
    Daniele D'Orefice
    Daniele D'Orefice
    Scrive della sua passione da quando aveva quattordici anni, dapprima su forum sperduti nella rete, e poi in realtà più note ed affermate. Adora i giochi di ruolo, gli strategici e gli immersive sim. Si lascia conquistare anche dalla scena indipendente.