More

    E3 2015 – Le Nostre Impressioni: The Last Guardian

    Quando l’annuncio di un gioco diventa un meme di internet, una barzelletta, un “vaporware” come si direbbe in gergo tecnico, un appassionato di videogiochi che stancamante si trascina fino alle 3 del mattino per seguire la conferenza Sony da Los Angeles potrebbe aspettarsi di tutto, tranne che quel “fantasma” scimmiottato da tutti gli si presenti davanti, con un lungo video gameplay e soprattutto una data di uscita, neanche troppo lontana.
    The Last Guardian c’è, esiste e ha causato i primi infarti in sala durante la conference di Sony, scoprite le nostre impressioni su quel che si è visto negli USA.

    The-Last-Guardian-2

    Ci è piaciuto

    La direzione aritistica, siamo rimasti incantati davanti a questo spazio etereo, davanti al silenzio e alla pace che ci ha trasmesso The Last Guardian, si è visto poco delle ambientazioni, eppure dal vuoto di quel luogo a noi sconosciuto ci siamo sentiti immediatamente catturati, pensiamo seriamente che questo gioco sprizzerà arte da tutti i pori.

    Gli enigmi, il video gameplay ha mostrato subito che il giocatore sarà chiamato a risolvere una serie di enigmi per far proseguire il piccolo protagonista nella sua avventura, sembra quindi che il gioco ci chiamerà a ragionare sugli elementi del paesaggio e sulla creatura che ci accompegnerà.

    La creatura, è lui, il nostro Guardiano, con cui siamo entrati subito in empatia appena lo abbiamo visto, non comunica a parole ma con versi che potrebbero ricordare quelli di un cane e proprio come il diffuso quadrupede il Guardiano esprime affetto, quasi amore, nei confronti del bambino che impersoneremo, non vediamo l’ora di scoprire chi o cosa sia questo amichevole essere.

    The-Last-Guardian-1

    Non ci è piaciuto

    Facilità? Gli enigmi mostrati nel video seppur esplicativi di quello che potrebbe essere il tema principale del gioco ci sono sembrati troppo semplici, ipotizziamo che siano delle fasi iniziali del gioco, ma fino a quando non vedremo altro materiale, manteniamo vivi i nostri dubbi.

    Guidare la creatura, non siamo rimasti pienamente convinti dal modo in cui dovremo interagire con il Guardiano, dato che sembra esserci un richiamo continuo della creatura per fargli quel che ci serve per proseguire, non vorremmo che il gameplay si traducesse in un button smashing per trovare la giusta posizione per attivare il comando, questi purtroppo sono dubbi che spariranno pad alla mano.

    Articoli recenti

    Il viaggio di Gamesquare.it è giunto al termine

    Gamesquare.it è arrivato alla fine del suo viaggio, è stata una bellissima esperienza, ma per varie motivazioni ci vediamo costretti a chiudere.

    Recensione Shining Resonance Refrain

    Shining Resonance Refrain ci mette alla guida di Yuma, ragazzo dentro il quale risiede lo spirito di un dragone, con il quale ci avventureremo in una storia piena di lacrime e sorrisi.

    Recensione Moonlighter – Il prezzo è giusto

    La nostra recensione di Moonlighter, rivoluzionario action RPG di Digital Sun e 11 bit Studios che ci metterà nei panni di uno strano avventuriero.

    I migliori 10 jRPG retrò

    Siete curiosi di vedere com'erano i jRPG fino a pochi anni fa? Con questa top 10 potrete rivivere gli anni d'oro del genere!

    Recensione The Spectrum Retreat

    La nostra recensione di The Spectrum Retreat, clasutrofobico puzzle game partorito dalla giovane e promettente mente di Dan Smith

    Dettagli sulla settima stagione di For Honor

    Sarà a breve disponibile la settima stagione di For Honor, ricca di novità e miglioramenti vari.
    Gabriele Carollo
    Gabriele Carollo
    Nato videoludicamente con il Sega Mega Drive e le folli corse di Sonic, da quel momento è nato un amore spasmodico per i videogames, cresciuto provando quasi tutte le console esistenti. Tra parolacce inveite contro il televisore, ettolitri di birra e una folta barba cerca di unire l'amore per i videogiochi alla passione per la scrittura, il risultato è sotto i vostri occhi.