More

    David Anfossi parla del futuro di Deus Ex

    David Anfossi è tornato a parlare del brand Deus Ex: ai microfoni di PCGamesN, il presidente di Eidos ha dichiarato che Deus Ex non è morto.

    Durante l’intervista David ha confermato che la serie significa molto per la compagnia, ma dovremo attendere un bel po’ prima di rivedere Deus Ex in azione:

    “Deus Ex non è morto, lo confermo. Deus Ex, naturalmente, è il brand del nostro studio, siamo tutti attaccati a questo franchise, ma non possiamo fare tutto insieme, come sapete.

    Dunque al momento abbiamo Shadow of the Tomb Raider, abbiamo questa collaborazione con Crystal Dynamics per The Avengers e anche un terzo gioco in sviluppo, dunque è abbastanza per noi, in questo periodo”.

    Articoli recenti

    Il viaggio di Gamesquare.it è giunto al termine

    Gamesquare.it è arrivato alla fine del suo viaggio, è stata una bellissima esperienza, ma per varie motivazioni ci vediamo costretti a chiudere.

    Recensione Shining Resonance Refrain

    Shining Resonance Refrain ci mette alla guida di Yuma, ragazzo dentro il quale risiede lo spirito di un dragone, con il quale ci avventureremo in una storia piena di lacrime e sorrisi.

    Recensione Moonlighter – Il prezzo è giusto

    La nostra recensione di Moonlighter, rivoluzionario action RPG di Digital Sun e 11 bit Studios che ci metterà nei panni di uno strano avventuriero.

    I migliori 10 jRPG retrò

    Siete curiosi di vedere com'erano i jRPG fino a pochi anni fa? Con questa top 10 potrete rivivere gli anni d'oro del genere!

    Recensione The Spectrum Retreat

    La nostra recensione di The Spectrum Retreat, clasutrofobico puzzle game partorito dalla giovane e promettente mente di Dan Smith

    Dettagli sulla settima stagione di For Honor

    Sarà a breve disponibile la settima stagione di For Honor, ricca di novità e miglioramenti vari.
    Marco D'amico
    Marco D'amico
    Sognatore disincantato, ama la libertà d’azione e l’esplorazione, odia le etichette e la disinformazione. Approdato recentemente nel mondo della critica videoludica cerca di trasferire in tutto quello che fa un’acuta riflessione sul medium e un pizzico di fantasia, crede fermamente nella “nobilitazione” del videogioco.