gcom2014 conferenza sony

Parte 1 a cura di Libertador

Dopo una conferenza Microsoft nel segno degli sviluppatori indipendenti, Sony fa ancora meglio, dimenticandosi quasi del tutto dei tripla A e dedicando quasi tutta la conferenza a titoli in esclusiva per PlayStation 4. Quello che abbiamo visto ci conferma che PlayStation Vita è data oramai per morta, mentre sempre nuovi sviluppatori indipendenti si fanno avanti nello sviluppo, donando al parco titoli Sony una estrema varietà ed originalità.
Ora vediamo nel dettaglio quello che è stato mostrato nella conferenza

inFAMOUS First Light

 

La conferenza Sony si apre in maniera un po’ anomala con una serie di video. Il primo di questi è inFAMOUS First Light, il primo DLC di inFAMOUS Second Son che ci mette nei panni della bella Fetch, che dispone di poteri basati sul neon. Il DLC uscirà a breve, il 27 agosto.

The Order 1886

 

Il secondo video è dedicato a The Order 1886, con alcune sequenze estremamente cinematiche, che vedono il protagonista venire attaccato da mutanti e disfarsene con armi steampunk. Il titolo uscirà il 20 febbraio 2015

Little Big Planet 3

 

Il terzo video è dedicato ad un’altra esclusiva Sony: Little Big Planet 3. Il video porta allegria in sala dopo le atmosfere cupe di The Order 1886 e mostra come sia divertente godersi il gioco in cooperativa, con diversi personaggi che possiedono diverse abilità peculiari necessarie per proseguire attraverso i livelli di gioco. Il titolo uscirà il 18 novembre 2014.

Bloodborne

 

L’ultimo titolo della trafila di video mostrati prima della conferenza vera e propria è anche il più atteso: Bloodborne. Vengono mostrati esigui spezzoni di gameplay e alcune sequenze in computer grafica. L’ambientazione è molto affascinante e notiamo come le armi da mischia del personaggio si possano trasformare anche in armi da fuoco. Come i più abili dei troll, dopo la conferenza vera e propria, gli uomini Sony hanno mostrato pochi secondi di gameplay di Bloodborne, giusto per farci sbavare ed imprecare allo stesso tempo.

The Tomorrow Children

 

Qui comincia la conferenza vera e propria, con Jim Ryan che sale sul palco e fa gli onori di casa. Subito si parte in quarta con un video di un titolo molto originale sviluppato da Q-Games. Il suo nome è The Tomorrow Children, ambientato in un universo davvero strano, che vede delle persone (?) lavorare in miniera per sconfiggere degli enormi esseri mostruosi che vivono in superficie. Lo stile grafico e le musiche ci fanno sentire come in un film di propaganda comunista. Il gioco ci ha colpiti.

The Vanishing of Ethan Carter

 

Continuano i titoli particolarmente originali ed interessanti e stavolta è il turno di The Vanishing of Ethan Carter, che ci mostra un interessante ambientazione dove vagano fantasmi inquieti in cerca di requie. Il gioco uscirà anche su PC oltre che su PlayStation 4.

Volume

 

Dagli sviluppatori di Thomas Was Alone, c’è l’annuncio di Volume, un evocativo titolo che presenta meccaniche stealth molto marcate, con nemici da schivare nascondendosi dietro dei blocchi, oppure modificando a proprio vantaggio l’ambientazione. Si potrà collaborare anche con degli amici, cooperando per evitare i coni visivi dei nemici. Il gioco uscirà su PlayStation 4 e PlayStation Vita.

Hollowpoint

 

È il turno dei ragazzi di Paradox, che annunciano Hollowpoint, uno sparatutto in terza persona che ci permette di giocare soli o in cooperativa con quattro amici. Dopo Hollowpoint, sempre Paradox, annuncia un’altra esclusiva PlayStation: Runemaster. Ma non si è visto nulla del gioco.

DayZ

Dopo Paradox, è Bohemia Interactive protagonista sul palco Sony. L’annuncio è che DayZ arriverà anche su PlayStation 4. Il titolo, inizialmente una mod per Arma, ha riscosso parecchio successo tra gli utenti PC e su PlayStation si prepara a bissarlo. Il gioco ci catapulta in una apocalisse zombie ed è caratterizzato dall’enorme realismo che caratterizza la serie Arma.

Hellblade

 

Arrivano i Ninja Theory, che mostrano un’altra esclusiva Sony intitolata Hellblade. Il trailer vede una donna in paramenti militari inginocchiata in un circolo di Menhir, impegnata in qualche strano rituale, mentre qualcosa di oscuro prende vita.

Rime

 

Ritorna Rime, il poetico titolo di Tequila Works che sembra prendere molto da Ico e Zelda. In questo video vediamo il protagonista muoversi in un mondo fantastico, che ci fa sognare. Da notare lo stile grafico, molto azzeccato e piacevole.

Destiny

 

Dopo una carrellata di Indie arriva sul palco Destiny, FPS MMO di Activision in sviluppo presso gli studi di Bungie. Dopo l’annuncio che si tratta della nuova IP più preordinata della storia, ci viene mostrato un video del multiplayer competitivo diviso per modalità. Si tratta per la maggior parte di cose già viste, a volte con qualche modifica, ma c’è anche qualche nuova new entry per il genere. Dopo il video viene annunciato il primo DLC del gioco in uscita a dicembre chiamato The Dark Below.

Parte 2 a cura di GabrielKennedy47

Le colline ti fanno ciao

La palla poi è passata ad Ubisoft con un breve trailer di Far Cry 4 , importante la comunicazione di contenuti aggiuntivi esclusivi per gli utenti PS4, vi sarà infatti, la possibilità di avere 10 key da dare ai propri amici del PSN per giocare insieme delle missioni in cooperativa, anche se l’amico in questione non possiede una copia del gioco , una piacevole aggiunta per gli utenti Sony.

Questo invece il video dove si parla delle key utilizzabili con i propri amici:

Fantasmi nella terra di mezzo

E’ stato poi il momento di Shadows of Mordor che si è mostrato in un tralier che già circolava in rete, quindi nessuna novità sostanziale per un titolo comunque interessante, pubblichiamo comunque il vdeo per dovere di cronaca:

Giapponesi che trollano

Sul palco è salito Hideo Kojima per mostrare un gradito ritorno in Metal Gear Solid V: The Phantom Pain , la scatola!
Un pò inaspettatamente il trailer era interamente basato sulla scatola e sulle sue nuove funzioni, non vi anticipiamo niente, ecco il video trasmesso alla conferenza:

Urla di paura

Nel turbinio di trailer mostrati alla conferenza, si è fatto notare la nuova IP degli sviluppatori 7780s . si tratta di P.T. , titolo dalla forte componente horror, la cui demo è già disponibile sul PSN.

More Apps

La conferenza Sony si è spostata poi sui nuovi servizi in arrivo per PS4, il nuovo aggiornamento di sistema (2.0) che permetterà agli utenti di portare caricare i propri video su Youtube , inoltre permetterà di poter giocare con altri utenti del Plus tramite la funzione Share Play , i giocatori in questione non dovranno per forza possedere o scaricare il gioco desiderato per provare questa funzione, il servizio è atteso per l’autunno.

E’ stata annunciata inoltre la nuova funzione Playstation TV , disponibile inizialmente solo nel Regno Unito, al costo di 99 euro.

Urla di paura: la vendetta

Chiunque si ricordi l’annuncio del gioco Until Dawn potrà finalmente esultare, il gioco è stato annunciato ufficialmente per PS4, anche se non è stata comunicata nessuna data di uscita, ecco il trailer mostrato alla Gamescom:

Rombo di motori

È stato mostrato un trailer anche per l’atteso Driveclub , il titolo automobilistico ha fatto sfoggio del proprio comparto tecnico e delle numerose funzioni social. Il gioco è atteso il 7 Ottobre 

Mondi di carta

Sul palco sono saliti i ragazzi di Media Molecule che hanno annunciato per PS4 Tearaway Unfolded versione rimaneggiata del precedente Tearaway, uscito per PSvita.
Molta importanza è stata alle funzionalità del joypad di PS4. Il gioco è stato interamente studiato per sfruttare al meglio la console cansalinga.

Pioggia di proiettili

Altro studio, altra esclusiva, i ragazzi di Housemarque conosciuto su PS4 per il gioco Resogun, hanno annunciato Alienation , titolo con visuale isometrica dove saremo chiamati a vestire i panni di supersoldati con l’intento di sopravvivere a mille avversità, atteso anche per questo gioco la data di uscita.

Wild Boys

Ultima sorpresa della conferenza Sony è stato Wild, titolo sviluppato da Wild Sheep, studio dove milita il papà di Rayman, ecco il video trasmesso alla Gamescom.

Le impressioni di Gamesquare

GabrielKennedy47

Voto conferenza: 8 – Sony ha intavolato una buona conferenza, rispondendo colpo su colpo a Microsoft. Curiosa la scelta di iniziare con una carrellata di video dei giochi presentati allo scorso E3, ha creato un piccolo effetto sorpresa, Sony ha imparato dagli errori commessi alla fiera Losangelina, ha utilizzato mezz’ora in meno di Microsoft, ed ha mostrato più giochi, complimenti.

Top: Hellblade e Until Dawn mi hanno provocato una piacevole scarica di Hype.

Flop: la completa assenza di Uncharted 4, i fan vanno coccolati.

La bomba: Until Dawn era completamente uscito dai radar nonostante fosse stato annunciato tempo a per il Playstation Move, insieme alla nuova IP dei Ninja Theory, sono i momenti che più ho apprezzato della conference Sony.

Libertador

Voto conferenza: 7,5 – Non è stata una conferenza brutta anzi, è iniziata a ritmo serratissimo e ci ha regalato delle vere perle indie che, per quanto ad originalità e fascino, non hanno nulla da invidiare ai tripla A. È mancato un titolo del calibro di Uncharted 4 e Bloodborne è passato un po’ in sordina.

Top: mi hanno colpito un bel po’ di titoli, ma forse i due che hanno acceso in me più curiosità sono Rime, con la poeticità che risiede dappertutto, anche nel nome, e Wild, veramente curioso e simpatico.

Flop: Bloodborne. Non perché il gioco sia brutto, ma per come è stato gestito da Sony, passato in sordina e con sequenze di gameplay praticamente pari a zero. Dobbiamo aspettare, mettiamoci l’anima in pace.

La bomba: non ci sono stati annunci roboanti e quindi mi tocca puntare pigramente il titolo su Until Down, giusto perchè Sony ha provato a farci la sorpresina, ma alla fine lo sapevano tutti che ci sarebbe stato.

Condividi
Articolo precedenteConferenza Microsoft GamesCom 2014 Highlights
Articolo successivoConferenza EA GamesCom 2014 Highlights

Scrive della sua passione da quando aveva quattordici anni, dapprima su forum sperduti nella rete, e poi in realtà più note ed affermate. Adora i giochi di ruolo, gli strategici e gli immersive sim. Si lascia conquistare anche dalla scena indipendente.