More

    Per il CEO di Alienware il PC domina il mercato, giusto l’annuncio di Xbox Scorpio

    Frank Azor, CEO di Alienware, ha espresso le sue idee sull’andamento del mercato videoludico nel corso di un’intervista a VentureBeat. Secondo il suo parere il PC ha il dominio del mercato e l’unica mossa sensata è quella di portare le esclusive console su PC (come ha fatto Microsoft). Inoltre è d’accordo con l’annuncio di Xbox Scorpio, che promette di colmare l’enorme gap tra macchine più prestanti e l’attuale generazione di console. Leggiamo le sue parole.

    Il PC ha vinto, continuare a combattere questa guerra credo finirà per limitare fortemente la capacità del tradizionale modello console di sopravvivere e diffondersi. Microsoft ne è consapevole, e lo sta dimostrando con gli annunci fatti nei giorni scorsi, come Scorpio, la UWP e la pubblicazione di contenuti sia su Windows che Xbox.
    Spero che anche gli altri produttori di console si concentrino su ciò che li rende speciali, ovverosia i giochi, i franchise, le storie che raccontano, i personaggi che hanno costruito. Il settore dell’hardware risulta chiuso e poco elastico quando il budget a nostra disposizione ammonta a 300 o 400 dollari, il che va bene. Ma quando si ha l’opportunità di investire 600, 700 o 800 dollari, si aprono tantissime possibilità di differenziazione.
    In futuro ci sarà ancora spazio per persone che desiderano dispositivi di piccole dimensioni, a prezzi contenuti e con limitate capacità e feature rispetto a chi invece possiede architetture PC di fascia alta, scalabili, che offrono e offriranno grandi prestazioni. Ma i contenuti dovrebbero essere univoci su tutte le piattaforme, a mio avviso. Così come desidero che i franchise esclusivi per console arrivino su PC, vorrei che anche i franchise esclusivi per PC arrivino su console. Non si tratta di una strada a senso unico, e i giocatori ne trarrebbero vantaggio.

    alienware

    Articoli recenti

    Daniele D'Orefice
    Daniele D'Orefice
    Scrive della sua passione da quando aveva quattordici anni, dapprima su forum sperduti nella rete, e poi in realtà più note ed affermate. Adora i giochi di ruolo, gli strategici e gli immersive sim. Si lascia conquistare anche dalla scena indipendente.