Bungie torna a parlare di Destiny 2 tramite un’intervista fatta ad EDGE Magazine, dove viene discussa anche la motivazione che ha postato a scegliere i 30 fps su PS4 Pro e Xbox One X.

Mark Noseworthy, project lead della software house spiega: “il frame rate scelto è legato alla simulazione del mondo di gioco di Destiny. Avere trenta intelligenze artificiali tutte assieme, ampi spazi aperti, sei giocatori, a volte anche alcuni veicoli: ecco com’è che usiamo la CPU offerta dalle console.

Avremmo potuto creare un Destiny che giri a 60 fps? Certo, ma gli spazi sarebbero stati più ridotti, sarebbe stato meno cooperativo e ci sarebbero stati meno mostri a cui sparare. Non si trattava certo del tipo di mondo di gioco che volevamo creare.
riteniamo di stare offrendo ai giocatori un’esperienza che non possono avere da nessun’altra parte, proprio grazie alle scelte che abbiamo fatto”