More

    Bungie spiega perché Destiny 2 non gira a 60 fps

    Bungie torna a parlare di Destiny 2 tramite un’intervista fatta ad EDGE Magazine, dove viene discussa anche la motivazione che ha postato a scegliere i 30 fps su PS4 Pro e Xbox One X.

    Mark Noseworthy, project lead della software house spiega: “il frame rate scelto è legato alla simulazione del mondo di gioco di Destiny. Avere trenta intelligenze artificiali tutte assieme, ampi spazi aperti, sei giocatori, a volte anche alcuni veicoli: ecco com’è che usiamo la CPU offerta dalle console.

    Avremmo potuto creare un Destiny che giri a 60 fps? Certo, ma gli spazi sarebbero stati più ridotti, sarebbe stato meno cooperativo e ci sarebbero stati meno mostri a cui sparare. Non si trattava certo del tipo di mondo di gioco che volevamo creare.
    riteniamo di stare offrendo ai giocatori un’esperienza che non possono avere da nessun’altra parte, proprio grazie alle scelte che abbiamo fatto”

    Articoli recenti

    Il viaggio di Gamesquare.it è giunto al termine

    Gamesquare.it è arrivato alla fine del suo viaggio, è stata una bellissima esperienza, ma per varie motivazioni ci vediamo costretti a chiudere.

    Recensione Shining Resonance Refrain

    Shining Resonance Refrain ci mette alla guida di Yuma, ragazzo dentro il quale risiede lo spirito di un dragone, con il quale ci avventureremo in una storia piena di lacrime e sorrisi.

    Recensione Moonlighter – Il prezzo è giusto

    La nostra recensione di Moonlighter, rivoluzionario action RPG di Digital Sun e 11 bit Studios che ci metterà nei panni di uno strano avventuriero.

    I migliori 10 jRPG retrò

    Siete curiosi di vedere com'erano i jRPG fino a pochi anni fa? Con questa top 10 potrete rivivere gli anni d'oro del genere!

    Recensione The Spectrum Retreat

    La nostra recensione di The Spectrum Retreat, clasutrofobico puzzle game partorito dalla giovane e promettente mente di Dan Smith

    Dettagli sulla settima stagione di For Honor

    Sarà a breve disponibile la settima stagione di For Honor, ricca di novità e miglioramenti vari.
    Gabriele Carollo
    Gabriele Carollo
    Nato videoludicamente con il Sega Mega Drive e le folli corse di Sonic, da quel momento è nato un amore spasmodico per i videogames, cresciuto provando quasi tutte le console esistenti. Tra parolacce inveite contro il televisore, ettolitri di birra e una folta barba cerca di unire l'amore per i videogiochi alla passione per la scrittura, il risultato è sotto i vostri occhi.