Ubisoft si lancia negli sport estremi, non uno solo ma ben quattro! Scoprite le nostre impressioni da Colonia.

Data di uscita Dicembre 2016
Genere Sportivo
Modalità di gioco Multiplayer
Piattaforme PC, PlayStation 4, Xbox One
Sviluppato da Ubisoft Annecy, Ubisoft Montpellier, Ubisoft Paris
Distribuito da Ubisoft
Versione testata PC
Cover

Ubisoft ha sicuramente sorpreso tutti quando come titolo di chiusura della sua line-up all’E3 di Los Angeles ha presentato Steep. Ormai da molti anni non si vedevano nel panorama videoludico giochi dedicati agli sport estremi. Sicuramente la paura di affrontare lo sviluppo di una IP che può interessare una cerchia ristretta di utenti scoraggia molti publisher, ma Ubisoft con Steep vuole avvicinarsi sia al giocatore esperto che al profano.

Uno dei motivi per cui credere in Steep è la sua natura di gioco che non cerca a tutti i costi di focalizzarsi sulla tecnica e sulla perfezione di ogni singolo salto o trick acrobatico, ma nella condivisione della propria gara, del proprio percorso con gli altri giocatori e amici. Sfruttando quindi anche la natura social del gioco, che ritroviamo nella realtà dei giorni d’oggi grazie alle action camera, Steep potrà interessare anche i casual gamer o comunque i non esperti di questo genere di sport.

Steep-4

 

Forza 4

Il titolo concentra al suo interno 4 attività sportive: lo snowboard, lo sci, il base jumping che può terminare con la tuta alare e il volo con il parapendio. Nella demo portata alla Gamescom 2016 abbiamo potuto testare le quattro discipline sportive; partendo da una vetta scendiamo lentamente fino ad un soppalco dove, prima di lanciarci nel vuoto, possiamo scegliere quale attrezzo utilizzare per la discesa. La selezione avviene aprendo una ruota delle abilità che permette dunque di scegliere, da qualsiasi postazione di lancio, quale sport intraprendere. Gli scenari alpini rendono Steep un vero open world in stile Ubisoft, con la possibilità si visualizzare l’intera mappa per osservare i vari punti di interesse da cui far partire le nostre discese, ogni vetta ha più percorsi che si diversificano in base alla durata e difficoltà.

Nella nostra prova abbiamo utilizzato un wingsuit, una tuta alare che ci permette di planare lungo il lato della montagna cercando di scansare le rocce appuntite, aumentando e diminuendo la nostra velocità di discesa. Il percorso che abbiamo seguito implementava anche una gara con checkpoint ad anelli da attraversare per fare più punti; raggiunto il traguardo ed aperto il nostro paracadute (punto fondamentale direi) per arrivare al suolo abbiamo provato un nuovo percorso.

Steep-2

Successivamente ci siamo imbattuti in una gara con snowboard e scii, alla partenza si sono affiancati i ghost degli altri giocatori, in una lotta ai centesimi per ottenere il miglior tempo in quel determinato percorso, riuscendo quando possibile anche a concatenare qualche trick. Questa implementazione permette al giocatore di non sentirsi mai solo durante le lunghe discese, mantenendo un buon valore di sfida per tutto il tracciato. Ad incentivare il carattere social della produzione vi è anche la possibilità di realizzare dei propri percorsi eseguendoli nella modalità free-roaming del gioco, potendo in un secondo momento salvarli per sfidare i propri amici.

K2

Il gioco pad alla mano ha una curva di apprendimento molto rapida, in poco tempo riuscirete ad affrontare tutti gli sport grazie al semplice sistema di controllo, ma per riuscire a padroneggiare ogni disciplina al meglio bisognerà comunque fare molta pratica. Se volete cimentarvi in qualche acrobazia i valori da tenere sotto controllo aumentano, ad esempio bisogna essere abili a dosare la giusta rotazione da dare al corpo durante un salto o nel compensare qualche folata di vento mentre voleremo con la nostra tuta alare. Questo denota la cura di Ubisoft nel cercare di inserire la giusta quantità di realismo nel titolo, e non scoraggiatevi se inizialmente centrerete in pieno qualche albero sugli scii o andrete miseramente fuoripista con lo snowboard.

Steep-3

Sicuramente risulta molto emozionante scendere le varie scarpate e guardare il panorama che il gioco ci suggerisce ma osservando bene, la demo portata a Colonia soffre ancora di molti problemi di natura tecnica. Durante le gare a gran velocità spesso si notano texture poco definite soprattutto nelle rocce con un evidente pop-up di alcuni elementi ambientali. Il codice non è molto stabile con freeze dello schermo e blocchi improvvisi che hanno richiesto il riavvio del gioco, speriamo che per l’inizio di dicembre, data fissata per il lancio, questi problemi tecnici possano essere risolti.

Commento

In tutti i percorsi che abbiamo provato testando Steep l’emozione e il divertimento sono stati costanti, certamente Ubisoft dovrà arricchire il suo open world a tema alpino, con più attività e un supporto costante, ma come detto con questo titolo la casa francese non sta cercando di consegnare un semplice gioco estremo, ma una piattaforma social che fa della condivisione un tema principale. Vedremo se l’idea di Ubisoft sarà vincente e consegnerà un nuovo modo di concepire i videogiochi estremi.

Condividi
Articolo precedenteEcco il trailer di lancio di Deus EX: Mankind Divided
Articolo successivoLa campagna di Titanfall 2 sarà più longeva di quanto si pensa
Vice direttore di Gamesquare.it, specializzato in giochi Stealth, Action e Shooting, odia con tutto se stesso i titoli Platform (per sua innata incapacità con questo genere). Si è avvicinato al medium videoludico durante la settima generazione di console, alternando momenti di gaming compulsivo a settimane di completo relax elettromagnetico. Pur avendo un altro lavoro, dedica gran parte del suo tempo libero allo sviluppo di questa piccola realtà online.