quantic-dream-david-cage

David Cage di Quantic Dream, ha spiegato come la software house sia interessata alla VR, ma per ora non è previsto un nuovo progetto.

“Nel nostro studio abbiamo installato tutti i visori per la VR e incoraggio i miei team a provarli”.

“Abbiamo scaricato qualunque gioco su qualsiasi sistema per effettuare una prova e capire cosa funziona e cosa no, e cosa potremmo offrire a questo medium. Non vogliamo creare qualcosa in VR solo per il gusto di farlo. Ciò che conta è riuscire a dire qualcosa che non sia già stato detto”.

“Ho avuto un’esperienza molto strana con un gioco in VR. È avvenuto durante una cutscene in cui i personaggi si stavano muovendo intorno a me e io ero molto vicino ad uno di essi, guardando proprio nella sua direzione. Non stavo prestando attenzione, quindi nel momento in cui si è mosso in avanti ha attraversato il mio corpo. Non riesco a trasmettervi quanto sia stato anomalo. È stato quasi mistico, come se qualcuno vi attraversasse. Lo si percepisce, il cervello viene ingannato”.

Condividi
Articolo precedenteNintendo Switch supporterà la VR in futuro?
Articolo successivoTitanfall 2: il team è già al lavoro su una patch correttiva per la versione PC
Vice direttore di Gamesquare.it, specializzato in giochi Stealth, Action e Shooting, odia con tutto se stesso i titoli Platform (per sua innata incapacità con questo genere). Si è avvicinato al medium videoludico durante la settima generazione di console, alternando momenti di gaming compulsivo a settimane di completo relax elettromagnetico. Pur avendo un altro lavoro, dedica gran parte del suo tempo libero allo sviluppo di questa piccola realtà online.