I vincitori sono Fallout 4 e Metal Gear Solid V! E bene sì prima ancora dell’uscita il gioco di casa Bethesda viene eletto “Best of Show” dal pubblico del Milan Games Week e il gioco di Konami a due mesi dal lancio è stato scelto come miglior gioco dalla Sala Stampa. Una bella iniziativa quella portata avanti da AESVIla quale ha permesso a tutti gli appassionati e ai giornalisti presenti di assegnare il premio Drago d’Oro al proprio gioco preferito tra 155 titoli proposti.

Ecco l’esito delle votazioni svolte.

Il pubblico, quasi all’unanimità, ha eletto come “Best of Show” di Milan Games Week l’attesissimo Fallout 4, nuovo titolo di Bethesda in arrivo il 10 novembre 2015 su Xbox One, PC e PlayStation 4. Il titolo è stato presentato a Milan Games Week nello stand del distributore Koch Media. Nei panni dell’unico sopravvissuto del Vault 111, il giocatore dovrà affrontare un mondo distrutto da una catastrofica guerra nucleare. In una serrata lotta per la sopravvivenza, in cui ogni istante è prezioso, dovrà compiere importanti scelte che segneranno il suo destino.

I giornalisti invece hanno scelto come “Best of Show” di Milan Games Week il recente Metal Gear Solid V: The Phantom Pain, sviluppato da Konami e distribuito da Halifax su PS4 e Xbox One. Il titolo, giocabile a Milan Games Week nello stand PlayStation, è l’ultimo capitolo della celebre serie stealth action firmata da Hideo Kojima. Espandendo le tematiche ed i contenuti intravisti in Ground Zeroes e settato in un’enorme ambientazione open-world, Metal Gear Solid V: The Phantom Pain risulta più vivo che mai, permettendo ai giocatori un approccio intuitivo e non lineare. Ricchissimo nei contenuti, il gioco include una versione tutta nuova di Metal Gear Online, la famosa modalità multiplayer competitiva.

Condividi
Articolo precedenteMilan Games Week – Il Viaggio
Articolo successivoProblemi con la versione PC di Call of Duty: Black Ops III
Disincantato sognatore, ama la libertà d’azione e l’esplorazione. Onnivoro consumatore, ha affinato il proprio gusto con titoli del calibro di Dishonored e BioShock, odia le etichette e la disinformazione. Approdato recentemente nel mondo della critica videoludica cerca di trasferire in tutto quello che fa un’acuta riflessione sul medium e un pizzico di fantasia, crede fermamente nella “nobilitazione” del videogioco.