More

    AESVI presenzia nel convegno della Commissione Cultura della Camera

    Aesvi senato

    Durante l’ultimo convegno della Commissione Cultura della Camera, AESVI, l’associazione che rappresenta l’industria dei videogiochi in Italia, ha fatto sapere di essere intervenuta prendendo parola all’evento. Di seguito quanto dichiarato:

    A proposito di videogiochi. Riflessioni, proposte e osservazioni sul mondo dei videogame in Italia promosso dalla Commissione Cultura della Camera dei Deputati come momento di confronto tra istituzioni, esperti e operatori del settore.

    L’Associazione ha sottolineato come il videogioco sia espressione della cultura contemporanea e luogo di creazione di nuove forme di narrazione, di sperimentazione tecnologica e di interazione sociale a cavallo tra creatività, innovazione, arte e comunicazione di massa.

    AESVI ha ribadito il proprio impegno in questo campo, l’industria dei videogiochi è infatti in prima linea fin dagli inizi degli anni 2000 con il sistema di classificazione PEGI e con gli strumenti di controllo parentale. La convinzione dell’Associazione è che questo tema debba essere affrontato non sul fronte dei divieti, ma su quello della conoscenza. Viviamo in un mondo che è al tempo stesso reale e digitale dove entrambe le dimensioni si intersecano continuamente. Con questa realtà che dobbiamo misurarci prima di tutto sul fronte dell’educazione, imparando a nutrire le giovani generazioni con una “dieta digitale” equilibrata.

    AESVI ha voluto anche porre l’accento sul tema dell’agenda digitale, sottolineando come l’industria dei videogiochi possa contribuire in diversi ambiti a supportare la crescita economica del Paese: la scuola, attraverso l’utilizzo dei videogiochi nei contesti educativi; lo sviluppo di videogiochi applicati a finalità diverse dall’intrattenimento, come nel settore della salute, della cultura o del turismo; il Made in Italy, dove l’Italia ha un ruolo tutto da conquistare come paese produttore di videogiochi nel panorama internazionale, in particolare, AESVI sta portando avanti delle proposte per il rafforzamento delle politiche di internazionalizzazione del settore anche attraverso l’introduzione del tax credit per la produzione di videogiochi in Italia”prosegue il comunicato ufficiale.

    Siamo grati alla Commissione Cultura per aver promosso il convegno odierno, segno di attenzione verso un’industria sempre più rilevante nel settore dell’entertainment e della tecnologia. Crediamo che il settore dei videogiochi possa dare un contributo rilevante per lo sviluppo del Paese. Ci auguriamo quindi che la discussione di oggi possa essere preludio di un dialogo continuo con il Parlamento e con le istituzioni tutte, affinché anche in Italia si possa approfondire la conoscenza del mondo dei videogiochi e delle numerose opportunità che esso può offrire.

    Articoli recenti

    Il viaggio di Gamesquare.it è giunto al termine

    Gamesquare.it è arrivato alla fine del suo viaggio, è stata una bellissima esperienza, ma per varie motivazioni ci vediamo costretti a chiudere.

    Recensione Shining Resonance Refrain

    Shining Resonance Refrain ci mette alla guida di Yuma, ragazzo dentro il quale risiede lo spirito di un dragone, con il quale ci avventureremo in una storia piena di lacrime e sorrisi.

    Recensione Moonlighter – Il prezzo è giusto

    La nostra recensione di Moonlighter, rivoluzionario action RPG di Digital Sun e 11 bit Studios che ci metterà nei panni di uno strano avventuriero.

    I migliori 10 jRPG retrò

    Siete curiosi di vedere com'erano i jRPG fino a pochi anni fa? Con questa top 10 potrete rivivere gli anni d'oro del genere!

    Recensione The Spectrum Retreat

    La nostra recensione di The Spectrum Retreat, clasutrofobico puzzle game partorito dalla giovane e promettente mente di Dan Smith

    Dettagli sulla settima stagione di For Honor

    Sarà a breve disponibile la settima stagione di For Honor, ricca di novità e miglioramenti vari.
    Gaetano Speranza
    Gaetano Speranza
    Vice direttore di Gamesquare.it, specializzato in giochi Stealth, Action e Shooting, odia con tutto se stesso i titoli Platform (per sua innata incapacità con questo genere). Si è avvicinato al medium videoludico durante la settima generazione di console, alternando momenti di gaming compulsivo a settimane di completo relax elettromagnetico. Pur avendo un altro lavoro, dedica gran parte del suo tempo libero allo sviluppo di questa piccola realtà online.