Demon’s Souls è stato il primo gioco della fortunata serie “Souls” che ha iniziato a far appassionare numerosi videogiocatori e che ha spianato la strada per un nuovo genere, il quale, impostandosi su un sistema da gdr ha portato delle novità tanto da denominare i suoi simili come genere “souls-like“. Tuttavia l’iniziatore del genere, Demon’s Soul smetterà presto di essere supportato.

Il 28 febbraio, 9 anni dopo la sua versione iniziale, Demon’s Souls chiuderà i suoi server. A partire da quella data i giocatori non avranno più accesso a giochi online tra cui invasioni, giochi cooperativi, macchie di sangue e i messaggi di suggerimento iconici della serie saranno illeggibili. È piuttosto sorprendente che un gioco del genere abbia avuto i suoi server online così a lungo. Demon’s Souls ha visto la luce quando Hidetaka Miyazaki è stato nominato a capo di un progetto che stava fallendo. Nessuno ha pensato che sarebbe stato un successo e Sony non ha nemmeno pensato che valesse la pena pubblicare al di fuori del Giappone, motivo per cui Atlus lo ha pubblicato negli Stati Uniti e Bandai Namco ha rilasciato la versione europea. Inizialmente la serie non decollò fino al primo Dark Souls, ma Demon’s Souls era ancora abbastanza popolare durante il periodo del primo Dark Souls e successivamente. In realtà, questa non è la prima volta che si era vista l’intenzione di chiudere i server.

Nel 2012, Atlus USA decise che era giunto il momento di portare il gioco offline, dicendo che “era anche della massima importanza per noi sostenere l’esperienza online del gioco il più a lungo possibile, anche oltre il punto in cui le vendite potevano aiutare a compensare il spese. Purtroppo, i server online non possono essere sostenuti per sempre e ora la fine si avvicina “. Ma si sbagliavano. I “Souls” hanno una base di fan immensamente appassionata, come dimostra il fatto che hanno ancora eventi annuali per celebrare il loro gioco preferito, e una grossa protesta dei fan ha convinto Atlus a tenere in vita i server momentaneamente. Tuttavia, sono passati quasi 10 anni da quando è uscito ed è improbabile che saranno persuasi a fare lo stesso di nuovo.

Il 28 febbraio sarà sicuramente un giorno triste per i fan di Demon’s Souls, ma faremmo bene a ricordare le parole della dichiarazione di Atlus del 2012: “L’avventura online potrebbe finire presto, ma il ricordo di esso – proprio come quello di ogni strategia di boss, livello e segreti nascosti- vivono nei giocatori per i quali il gioco è (stato) così speciale.”