specialeWatchdogsac1

Come ci ha insegnato la TV, programmi di speculazione su teorie complottistiche mondiali o su eventi paranormali hanno un seguito veramente alto, ma quello che è ancora più interessante è che la gente si fida di quello che dice un Adam Kadmon di turno, prendendo quelle parole come un vangelo. Non è mia intenzione negare l’esistenza dei rettiliani sulla faccia nascosta della Luna, ma piuttosto inserirmi nella pura speculazione del mondo dei videogames, provando a dire la mia basandomi su alcune informazioni raccolte in alcuni videogiochi e su alcuni forum. Come avrete capito dal titolo, i protagonisti di questa “teoria azzardata” sono Assassin’s Creed e Watch Dogs, entrambi titoli della francese Ubisoft. Per i più complottisti, no, non parlerò di massoni.

specialeWatchdogsac2
È solo una mia impressione o Aiden Pearce somiglia un po’ ad Adam Kadmon?

 

Hacker si nasce

Annunciato all’E3 2012, Watch Dogs ha da subito calamitato a sé le attenzioni degli amanti dei Free Roaming. Poter controllare tutta la tecnologia di Chicago solo con un semplice smartphone ha solleticato la malizia anche dei più seriosi, creando una nube di hype che neanche il Eyjafjallajoekull (per chi cadesse dalle nuvole, è il vulcano che ha eruttato in Islanda nel 2010). Quando si pensava che Watch Dogs sarebbe riuscito a spodestare il re dei Free Roaming dal suo trono, GTA V, arriva la notizia del suo posticipo a data da destinarsi, una dura botta per i fan. Dopo un periodo di silenzio stampa ci ritroviamo a ridosso della sua uscita, ma nel frattempo voci su voci circolate sul web basate su teorie e dati raccolti all’interno di Assassin’s Creed 4: Black Flag, vedono il mondo di Watch Dogs fondersi con quello degli Assassini. A vederle così non sembrano affermazioni campate in aria, entrambi i giochi sono della Ubisoft, entrambi sono ambientati più o meno nello stesso periodo e non sembra che il contesto narrativo sia poi così distante. In realtà le relazioni tra i due titoli sono ben più profonde e io sono qui per lucrarci su (in maniera benevola), se vi interessano queste ipotesi continuate a leggere, e occhio agli spoiler.

specialeWatchdogsac3
Daniel Cross e Aiden Pearce. Coincidenze? Io non credo

 

Informazioni trafugate

Nella mia recensione di Assassin’s Creed IV: Black Flag ho dedicato un box a dei file trovati all’interno di un PC, che citavano la Blume e il ctOS. Quello che per molti inizialmente era un easter egg è stato pian piano rivalutato, venendo considerato come un vero e proprio indizio. Posso intanto elencarvi i motivi per cui io non considero quelle informazioni come un easter egg. Per prima cosa un easter egg è un riferimento che molto spesso prende in giro se stesso o fa solo dei riferimenti velati, in modo che solo coloro che conoscono il gioco, il film o qualsivoglia altra cosa citata capiscano, ma soprattutto è ben nascosto e non viene posizionato in bella vista come su AC IV: Black Flag. Il messaggio all’interno del PC hackerato, invece, abbatte le cripticità che sono usuali negli easter egg, rilasciando informazioni interessanti che legano il ctOS alla Abstergo (in un’immagine qui sotto potrete leggere parte del messaggio). Il ctOS, per chi non lo sapesse, è un potentissimo sistema operativo che controlla tutta Chicago, un progetto quindi in linea con le mire dei Templari: il controllo sull’umanità per garantire la pace. Ma gli indizi in AC 4: Black Flag non finiscono qua, girovagando per le sale della sede della Abstergo nei panni del nuovo “protagonista”, si attiverà una conversazione random, nella quale un’impiegata della Abstergo dice di voler lasciare la suddetta società per lavorare alla Blume di Chicago. Come ci insegna Agatha Cristie: “un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi sono una prova”, bisognerà trovare il terzo indizio.

specialeWatchdogsac4
Come vedete la Abstergo sembra seriamente implicata nella realizzazione di un potente sistema di sicurezza: il ctOS

 

Le lame celate sono da fighette

Se prima abbiamo parlato di alcuni dati rinvenuti all’interno del mondo di Assassin’s Creed, ora cerchiamo di fare chiarezza tra le ipotesi e associazioni che sono state fatte su Watch Dogs, benché non sia ancora uscito. Una delle prime (secondo me poco affidabile) riguarda un’immagine del menù dello smartphone di Aiden che è trapelata. Una delle opzioni se rovesciata sembra rappresentare il logo di Assassin’s Creed (l’immagine la trovate qui sotto), ma purtroppo il nome dell’applicazione è illeggibile. Sembra comunque strano che gli assassini dispongano di una app con il loro logo rovesciato, potrebbe trattarsi semplicemente di un richiamo della Ubisoft al logo di Assassin’s Creed senza che tuttavia c’entri nulla. Un’altra interessante teoria associa la DedSec, un’associazione di Hacker che opera per sottrarre Chicago al controllo del ctOS, al Collettivo Erudito (di cui l’identità è ancore fonte di dibattito tra i fans), un’associazione di hacker che ritroviamo in Assassin’s Creed che cerca di arginare lo strapotere della Abstergo sottraendogli informazioni. Io non penso che queste due associazioni siano la stessa cosa, tuttavia potrebbero essere collegate o la seconda apparire in Watch Dogs.
Sia perchè Watch Dogs non è ancora uscito e sia perchè la Ubisoft non vuole sbottonarsi troppo sul legame che potrebbe esserci tra Watch Dogs e la saga di Assassin’s Creed, gli indizi che abbiamo citato in questo paragrafo sono poco convincenti e non rafforzano l’idea che questi due mondi siano connessi. Ora non ci resta che analizzare il personaggio di Watch Dogs: Aiden Pearce.

specialeWatchdogsac5
Messaggio subliminale o allucinazioni? A me sembra più un becco a dir la verità

 

Aiden è un Assassino?

In molti hanno fatto questa domanda, ma la risposta sembra scontata: no, almeno all’inizio. Se ci chiediamo invece se avrà contatti con la confraternita o addirittura entrerà a farne parte, cominciamo a tentennare sulla risposta. Quello che è certo è che Aiden non rispecchia il “personaggio ideale” di cui hanno bisogno gli assassini: retto, leale e con un senso della fratellanza e dell’onore, ma è piuttosto un criminale che diventa giustiziere per vendicare la sua famiglia. Tuttavia dopo aver sperimentato il personaggio di Edward Kenway, molto simile a quello di Aiden, non si può dare nulla per scontato. In molti si sono soffermati sull’abbigliamento, che può vagamente ricordare quello degli assassinio addirittura sul manganello estraibile che può rimandare alla lama celata. Altri invece fanno supposizioni basandosi sulle difficoltà che gli assassini stanno vivendo nel presente, che devono “rompere gli schemi” per sopraffare i Templari, di conseguenza Aiden sarebbe l’asso nella manica che permetterebbe di vincere la partita. Di concreto non c’è nulla, quindi dovremo toccare con mano il gioco per sapere di più sul background narrativo e sul protagonista. Personalmente non vedo l’ora.

specialeWatchdogsac6
Assassini si nasce

 

Conclusione (un po’) azzardata

Se avete letto tutto l’articolo e non siete saltati direttamente alla sua conclusione, vi sarete fatti un’idea sulla connessione o meno tra i mondi dei due franchise Ubisoft. Personalmente, nonostante alcune prove siano blande o campate in aria, sono convinto che i due giochi siano collegati in qualche modo. Potrebbe trattarsi di un esperimento di Ubisoft che, se riuscito, potrebbe estendersi anche ad altri titoli. Il tutto verrà smentito o confermato con l’uscita del titolo, se quello che ho scritto sarà tutto falso potrete divertirvi a schernire il mio lavoro considerandomi un complottista pazzoide, dopotutto dovreste farlo anche se avessi ragione. Sai che vi dico? Secondo me Aiden Pearce è un massone.