Bethesda dopo averci presentato Slash, ci mostra Clutch, “il campione di Quake Champions“, con un video. Ecco la descrizione nel dettaglio:

Clutch ha trascorso buona parte della propria esistenza nel sottosuolo, nei panni di un robot apatico e indistruttibile, a spaccare rocce e a proteggere i suoi padroni umani dalle frane. Dopo essersi imbattuto in alcune strane incisioni sulle rocce, ha avuto la forza di fuggire e punire i suoi padroni. Ora è una macchina nuova, cosciente e pronta a uccidere.

Rombando per l’arena, Clutch infligge dolore ai nemici e protegge se stesso e gli alleati grazie alla sua abilità attiva Barriera. L’abilità passiva Difesa incrollabile gli permette di avere un vantaggio difensivo rispetto agli altri campioni. Clutch è stato costruito per lavorare in miniera e spaccare massi. Questo automa risvegliato è in grado di respingere i tuoi razzi e infrangere i tuoi sogni di gloria.

PROFILO DEL CAMPIONE: Clutch – Automa risvegliato

Statistiche iniziali:
• Salute iniziale: 150
• Corazza iniziale: 50
• Velocità: 320-360-400

Abilità attiva – Barriera: se hai bisogno di proteggere i compagni o vuoi prendere fiato in modalità Deathmatch, usa l’abilità attiva Barriera, che ti permette di bloccare gli attacchi nemici per un periodo limitato. Questo grande scudo magnetico serviva a proteggere umani e robot dalle frane nelle miniere, ma ora è una solida difesa contro i campioni nemici.

Abilità passiva – Difesa incrollabile: un nemico si dirige verso di te a colpi di rocket jump? Nessun problema. L’abilità passiva Difesa incrollabile di Clutch ti permette di mantenere la posizione e di subire il 20% di danni in meno mentre ti muovi o stai fermo. Inoltre, correre in avanti senza cambiare direzione aumenta la tua velocità. Utile in miniera e devastante in arena.

Condividi
Articolo precedenteIn arrivo una demo di Prey
Articolo successivoRime – Ecco un nuovo video diario
Disincantato sognatore, ama la libertà d’azione e l’esplorazione. Onnivoro consumatore, ha affinato il proprio gusto con titoli del calibro di Dishonored e BioShock, odia le etichette e la disinformazione. Approdato recentemente nel mondo della critica videoludica cerca di trasferire in tutto quello che fa un’acuta riflessione sul medium e un pizzico di fantasia, crede fermamente nella “nobilitazione” del videogioco.