Le microtransazioni stanno pian piano diventando sempre più presenti nel mercato dei videogiochi e stanno riscontrando un certo disappunto da parte della comunità dei videogiocatori. Eric Monacelli, l’ex Community Strategist di Naughty Dog, entra in scena per defenderle:

Le microtransazioni tendono ad avere una connotazione negativa nel settore dei videogiochi, se proviamo a ricordare, la gente era felicissima quando potevano acquistare l’armatura per il cavallo (per The Elder Scrolls IV: Oblivion). È qualcosa che c’è sempre stato. Ma se il contenuto è buono abbastanza e desiderate pagare per averlo, allora perché non farlo? Questo è ciò di cui si sta parlando.