Wizard of the Coast con il suo leggendario Magic torna sulla scena dei Trading Card Game. Riuscirà a sbaragliare la concorrenza?

Data di uscita 29 luglio 2015
Genere Gioco di carte collezionabili
Modalità di gioco Singleplayer, Multiplayer
Piattaforme PC, Xbox One, PS4, iOS
Sviluppato da Stainless Games
Distribuito da Wizard of the Coast
Versione testata PC, iOS
cover

Benvenuti! In questo speciale sui giochi di carte collezionabili analizzeremo mano mano cosa offre il mercato a tutti gli appassionati del genere, approfondendo ogni volta un titolo diverso e cercando di guidarvi in questo magico e competitivo mondo che ha riscoperto ultimamente un grandissimo successo tra i videogiocatori.

Un po’ di storia

I giochi di carte collezionabili hanno sempre attratto milioni di giocatori, vuoi perché appassionano con la loro strategia unita al divertimento e all’imprevedibilità o vuoi perché risaltano la competitività oltre che la socialità. Il mondo dei TCG (Trading Card Game) è cambiato profondamente nel corso degli anni, le carte fisiche sono state sempre di più sostituite da copie digitali, le regole si sono informatizzate e perfino il momento tanto atteso di aprire i pacchetti acquistati è mutato in qualcosa di diverso. Il primo rappresentante del genere, che ha sedotto milioni di giocatori in tutto il mondo, è stato indubbiamente Magic: The Gathering. Chi non conosce il gioco targato Wizard of the Coast? Quale appassionato di giochi di carte non ha mai sentito almeno una volta in vita sua il termine “tappare” o “stappare”?
Uscito per la prima volta nel 1993 dalla mente di Richard Garfield, il famoso gioco di carte collezionabili ha cercato più volte di reinventarsi per entrare prepotentemente nel mondo videoludico, dove ha trovato un discreto successo solo negli ultimissimi anni senza mai sfondare, però, nel campo dei TCG online.

magic duels origins 3

Il Re è tornato

Magic the Gathering, il celeberrimo gioco di carte, è tornato dopo diverse iterazioni per PC, che sostanzialmente non hanno lasciato troppo il segno nella mente dei videogiocatori, puntando tutto sulla ormai solida formula del free-to play. Il nuovo gioco della Wizard, Magic Duels: Origins, è disponibile su diverse piattaforme (Steam, Xbox One, iOS) e pone le basi per un’alternativa importante all’universo dei giochi di carte collezionabili attualmente disponibili. Rappresenta la nuova trasposizione di quello che prima era uno dei primi giochi cartacei (se non il primo) di grande successo e che ha provato e riprovato, con il passare degli anni, a riprodurre le sue fortune anche nel mondo dei TCG online senza pero riuscirci appieno (almeno fino ad oggi). Magic Duels: Origins rappresenta la svolta digitale che i fan del gioco Wizards of the Coast attendevano con ansia?

magic duels origins 2

Pesco, gioco mana, tappo due…

Magic Duels: Origins appare subito ben realizzato, appena avviato dei comodi tutorial ci spiegheranno tutte le regole del gioco. Questo tour guidato è godibile e utilissimo sia ai nuovi giocatori sia a quelli di vecchia data, che daranno una rispolverata alle non semplicissime regole di Magic. Si perché il gioco Wizard ha un regolamento non proprio immediato da assimilare, ma questo titolo riesce bene a sintetizzare i concetti principali con un tutorial completo che aiuta moltissimo il giocatore a padroneggiare il campo da gioco in pochissimo tempo. Le sezioni giocabili del titolo sono principalmente due: la campagna in singolo e la modalità multigiocatore. Nella prima il giocatore sceglierà uno dei cinque colori disponibili che rappresenterà il mazzo da gioco e sfiderà in sequenza dei boss che daranno filo da torcere anche ai giocatori più esperti. Sono presenti piccole storielle raccontate, mano a mano che sconfiggiamo i nemici, con testi ma sopratutto illustrazioni davvero ben realizzate rendendo estremamente gradevole le varie narrazioni (quanto meno esteticamente). La creazione del proprio mazzo è stata implementata in modo tutto sommato accettabile risultando abbastanza intuitiva. È presente sia la modalità di creazione del proprio deck in maniera guidata, con l’IA che ci suggerisce le carte migliori da inserire a seconda del colore scelto, sia la creazione normale che non presenta limitazioni di alcun genere (si possono creare mazzi anche multi colori). Ma andiamo ad analizzare la componente online, ovvero quella che dovrebbe essere la colonna portante del gioco e che risveglia in noi la nostra anima competitiva. Principalmente in questo caso le possibili opzioni sono rappresentate o dallo scontro con un avversario casuale o da una battaglia a quattro giocatori. Quest’ultima è davvero una bella sorpresa in quanto pochi titoli possono vantare di sfoggiare una sfida a coppie; invitare un amico oppure farsi un nuovo alleato per uno scontro a quattro persone risulta divertente e varia notevolmente il gioco creando nuove combinazioni che nella singola battaglia risultano impossibili. Un sistema, quello relativo all’online, che funziona bene ma che lascia l’amaro in bocca sia per le poche opzioni selezionabili, che tendono ad appiattire il gameplay, sia per uno sviluppo poco accurato delle sfide classificate.

Magic duels origins 6

Free-to Play?

Arriviamo dunque alla domanda che per un titolo di questo genere è fondamentale: Magic Duels: Origins è davvero free-to play? La risposta è sicuramente positiva in quanto ogni elemento del gioco può essere acquistato sia con moneta reale sia giocando. Sono presenti le classiche missioni giornaliere, che hanno fatto la fortuna di molti titoli di questo genere, e il denaro virtuale reso dalle missioni e dalle partite è abbastanza per rimpolpare la nostra collezione di carte. Diverso il discorso per quanto riguarda il “crafting” delle carte. In molti TCG è presente la possibilità di ottenere una copia di qualsiasi carta acquistandola con la moneta di gioco oppure, molto più frequentemente, con degli oggetti speciali; in Magic Duels: Origins questo non è possibile, non è stato implementato nessun sistema del genere, l’unico modo quindi per avere una determinata carta è sperare che esca casualmente da un pacchetto. La mancanza di un sistema con cui scambiare le carte, o comunque di poterne avere in qualche modo una specifica, si potrebbe far sentire sopratutto in ottica d’uscita di future espansioni.

magic duels origins 4

Non è tutto “foil” quello che luccica

Uno dei migliori, se non il migliore, TCG degli ultimi vent’anni in tutto il suo splendore, online e completamente gratuito? Sembrerebbe troppo bello per essere vero e infatti il titolo Wizard non è esente da difetti sia di costruzione sia per quanto riguarda la componente competitiva. Partiamo subito dal presupposto che la concorrenza negli ultimi anni nel settore è diventata agguerritissima (chi ha detto Hearthstone?) e che Magic è nato sopratutto per essere giocato con carte reali. Rispetto a molti altri titoli il gioco risulta molto meccanico e moderatamente più complesso, basti solo pensare che ci sono carte che possono essere giocate nel turno dell’avversario, e questo, paragonato ad altri giochi, potrebbe stancare il giocatore più casual. Magic Duels non si presta a partite veloci e poco impegnative, i vari match hanno una durata media superiore rispetto ai TCG concorrenti; difatti sulla versione mobile il gioco risulta molto più pesante in confronto alle rispettive versioni casalinghe. Un altro punto a sfavore riguarda la collezione, nonostante nel gioco siano presenti ben 251 carte queste non lasciano al giocatore troppe scelte in merito alle varie combo da utilizzare per i propri mazzi. Vero che il titolo è uscito da poco più di un mese ma se si pensa che il un gioco conta un database di carte ventennale forse aspettarsi qualcosina in più è lecito.

magic duels origins 5

Conclusioni

Magic Duels: Origins rappresenta una validissima alternativa ai card game attualmente sul mercato. È pur sempre la versione videoludica di uno dei giochi di carte più famosi e amati di sempre e si differenzia dalla concorrenza proprio per questo, non cercando di cavalcare l’onda del successo dei TCG di oggi, ma riproponendo le proprie meccaniche senza snaturarsi. Magic Duels: Origins rappresenta un nuovo punto di partenza, facendo della sua storia e del suo stile sia il punto di forza che quello di debolezza.