Quando il genere dei god-games sembra arrancare spunta fuori dalle fucine di Kyckstarter The Universim, un titolo che propone di reinventare il genere con caratteristiche davvero uniche. Se non lo avete fatto vi rimandiamo alla nostra anteprima sul gioco, che ne analizza, seppur molto superficialmente vista l’arretratezza della build, le già ottime basi. Siamo riusciti a scambiare anche quattro chiacchiere con Crytivo Games, il team di sviluppo, il quale ha fugato qualche nostro dubbio e ci ha regalato anche qualche curiosità. Buona lettura.

Ciao e grazie per averci dato la disponibilità di rispondere a qualche domanda. The Universim è un progetto molto interessante, ma con la chiusura di Maxis e con il fallimento di Godus, non si può dire che i god-games stiano vivendo un'”età d’oro”. Come può The Universim ridestare l’animo sopito degli appassionati al genere? E in quale modo può attirare anche nuovi giocatori?

Crytivo Games: Grazie a voi per l’intervista! È stato terribile sentire cos’è accaduto a Maxis, in quanto molti dei loro giochi hanno contribuito ad ispirare The Universim. Lo stesso si può dire per Lionhead e il lavoro di Molyneux nel genere dei god game, con Black and White e Populous, anch’essi di grande ispirazione. Da molti anni a questa parte c’è stato senza ombra di dubbio un grande vuoto nel genere, noi speriamo che The Universim soddisfi le voglie di un gran numero di giocatori. Il gioco offre molte feature già viste in precedenti esponenti del genere, che probabilmente solleticheranno la fantasia anche del più cinico giocatore della vecchia scuola, ma sarà anche in grado di evolvere l’esperienza e di portarla nella nuova generazione. Pensiamo che non si tratti di un reboot, bensì di una reinvenzione. Questo si spera incoraggi anche nuovi giocatori a provare il gioco per valutare se è un’esperienza di loro gradimento.

Avete detto che nel gioco ci sono tre età: Età della Pietra, Medioevo e Età Moderna. Grazie ad alcune strutture che è possibile erigere nell’Età Moderna c’è la possibilità di esplorare e colonizzare altri pianeti. Da questo punto in poi The Universim si trasforma in una sorta di “Planet Manager“. Con un maggiore focus sul “macro” management, a discapito del “micro“, come cambierà il gameplay? Ci saranno alcune facilitazioni per rendere più semplice controllare diversi pianeti e, allo stesso tempo, città e Nugget (gli abitanti delle nostre colonie, ndr)?

Crytivo Games: L’idea del macro e micro management è qualcosa che abbiamo in mente fin dalle prime ere di gioco. Abbiamo bisogno di mantenere il giusto equilibrio tra gli aspetti legati alla simulazione planetaria, su cui stiamo spingendo molto, e la significativa interazione del giocatore. Se il micromanagement cresce troppo, potrebbe diventare intrusivo e fastidioso, ma troppa poca interazione porta ad un’esperienza davvero noiosa. Alcuni aspetti del micromanagement verranno messi un po’ in secondo piano nelle epoche successive, ma saranno rimpiazzati da altre caratteristiche molto eccitanti. Avrete sempre una nuova borsa di giocattoli con cui divertirvi.
Una civiltà si evolve nella Space Age una volta che ha raggiunto un certo traguardo, in questa età si potranno iniziare a colonizzare i pianeti. Questo è sicuramente il momento in cui il gioco acquisisce alcune caratteristiche da planet manager, ma sviluppare colonie e esplorare pianeti offrirà abbastanza micromanagement per tenere il giocatore sempre attivo. Naturalmente è sempre possibile passare da un pianeta all’altro ed eseguire le stesse azioni che potevano essere compiute in precedenza, ma ci sarà anche un’opzione che permetterà al mondo di svilupparsi da sé finché non si deciderà di ritornare. La Space Age è qualcosa a cui abbiamo pensato per lungo tempo, e riveleremo più dettagli a proposito di quest’ultima nei mesi a venire. Tuttavia al momento il team è concentrato nel migliorare il motore di gioco, l’IA e altre caratteristiche, per creare delle solide basi su cui poi costruire le età future.

the-universim-2

I pianeti sembrano davvero fantastici nello stile e nella varietà dei biomi, spulciando tra le immagini della vostra pagina Kickstarter ho notato interessanti mondi dominati dalla lava o danneggiati da qualche sorta di cataclisma. Sono solo il risultato di un disastro naturale (inclusa la follia di un dio malvagio) o potranno essere anche trovati nel corso delle esplorazioni spaziali e colonizzati con l’aiuto di strutture speciali?

Crytivo Games: È qui che entra in gioco Prometheus, il nostro pratico motore di gioco che provvede alla generazione procedurale dei pianeti e alla simulazione di alcune caratteristiche. Ogni pianeta sarà unico, quindi tecnicamente potrebbero esserne generati anche di instabili. Ciononostante ogni pianeta potrà essere colonizzato con i giusti mezzi. Ciò significa che un pianeta instabile come quello che avete visto nel trailer sarà più incline a generare vulcani o altri disastri naturali. Probabilmente non avrebbe neanche le condizioni necessarie per sostenere la vita, ma questo può essere cambiato. Con l’utilizzo di speciali fabbriche, Creator Powers (i poteri divini) o alcune tecnologie, il pianeta potrà essere colonizzato. Se lo vorrete potrete anche causare diversi disastri naturali su alcuni dei pianeti scoperti.

Parliamo ora del Dynamic News System. Le informazioni sul gioco riportano che grazie a questo sistema i giocatori potranno vivere storie o assistere ad eventi nel corso delle varie età, ovviamente questa è una buona idea per rendere la progressione varia e garantire al giocatore la sensazione di un mondo (e un universo) vivo. Ma voi avete menzionato anche il Live News System, un’espansione del Dynamic News System che dà all’utente la possibilità di creare storie e personalizzare eventi. Sfortunatamente non avete raggiunto lo stretch goal (450.000 dollari) relativo a questa feature, avete intenzione di introdurla comunque? Se sì, come funzionerà nello specifico?

Crytivo Games: Il Dynamic News System è una delle nostre feature preferite. Aiuta a dare al gioco quella sua personalità unica. Lo stile artistico attira immediatamente l’attenzione e suggerisce un tono particolare, ma il sistema di news in-game offrirà anche un continuo flusso di storie informative e umoristiche che lo espanderanno fino a donargli una vera e propria identità. Anche se non ce l’abbiamo fatta su Kickstarter, la community ci ha permesso di sbloccare lo stretch goal del Live News System (e molti altri) sul nostro sito!
Questo va di pari passo con la possibilità del supporto alle mod su tutta la linea (che però non possiamo ancora confermare poiché stiamo ancora dedicandoci allo sviluppo di tutte le feature promesse finora), ma confermo, attualmente abbiamo in mente di permettere ai giocatori di scrivere le loro storie e news report che poi potranno condividere con tutti. Questo garantirà a chi attiverà questa feature di avere un flusso costante di eventi della community in cima a quelli standard. Avremo bisogno di un sistema per moderarli, ovviamente, ma questa è una caratteristica che sarà inclusa più tardi nello sviluppo.

the-universim-3

In The Universim i giocatori non sono in grado di controllare i Nugget, possono solo influenzarli attraverso azioni e poteri divini. Quindi i Nugget beneficiano di una sorta di indipendenza, ma possono creare comunità in autonomia e dare il via a guerre tra città o persino pianeti?

Crytivo Games: I Nugget sono certamente un gruppetto interessante. Creeranno edifici e assegneranno lavori da soli, ma non saranno mai in grado di evolversi troppo senza l’influenza del giocatore. Una specie in via di sviluppo e senziente come i Nugget, come gli umani del resto, è molto sensibile agli eventi. Un certo numero di accadimenti potrebbe risultare nella loro completa distruzione, che solo il giocatore potrà impedire (se gli esseri umani si siano evoluti per fortuna, abilità oppure per un intervento divino è un dibattito che non vogliamo intraprendere in questa sede, ma The Universim è un discorso diverso). Faranno cose molto stupide a volte. Si potrà sempre stare con le mani in mano e guardarli mentre seguono le loro abituali routine e provano ad affrontare eventi dinamici, ma l’intervento del giocatore è richiesto in numerosi casi, come la costruzione di edifici chiave, ricerche e altro. Abbiamo fatto un passo indietro nell’introdurre un’IA molto intelligente troppo presto nel gioco, come l’IA che hai menzionato, tuttavia i Nugget saranno probabilmente più intelligenti nelle ere future, saranno quindi più autonomi e in grado di dare il via a guerre. Ad ogni modo questo è qualcosa a cui stiamo lavorando al fianco della community per assicurarci di essere sulla strada giusta.

Un’altra feature interessante riguarda la possibilità di entrare in contatto con forme di vita aliene ed anche virus. Certamente l’idea di una malattia che provoca disastrose conseguenze nella popolazione è intrigante, ma sono anche interessato alle specie aliene senzienti. Introdurrete la possibilità, ad esempio, di commerciare con loro o attaccarle?

Crytivo Games: Le forme di vita aliene potrebbero diventare una delle caratteristiche più interessanti della Space Age (non si escludono visite di forme di vita estranee durante le prime età, però), ma molte non saranno senzienti. Come gestiremo gli alieni senzienti, o addirittura se li includeremo, è un argomento di cui non possiamo parlare ora, probabilmente ne discuteremo di più quando saremo più vicini all’implementazione della Space Age.
La questione dei virus è un po’ più interessante. Ci sarà certamente un buon numero di eventi dinamici che minacceranno intere civiltà, e bisognerà essere preparati per loro. Recentemente abbiamo implementato il Witch Doctor update, che prepara il terreno a futuri elementi legati alla medicina. Il giocatore avrà sempre il compito di scegliere su quali aree concentrarsi, e la medicina potrebbe essere una buona idea se i segni di un focolaio virale o un morbo cominciano a comparire. Eventi dinamici come questi verranno implementati più avanti nello sviluppo, ci stiamo concentrando prima su altre caratteristiche.

Avete già in mente una data per il rilascio del gioco su Steam Early Access?

Crytivo Games: Ci stiamo avvicinando ad una data finale, ma non possiamo svelarla proprio ora. Ci sono ancora alcuni affari in sospeso da risolvere. Ci dispiace farvi attendere! Tutti coloro che sono interessati alla versione Steam (link alla pagina, ndr) possono aggiungere il gioco nella lista dei desideri per mostrare il loro supporto.

Grazie ancora per l’intervista e buona fortuna nello sviluppo di The Universim.

Crytivo Games: È stato un piacere, e grazie per il supporto.