Il numero di GameInformer dedicato ad Assassin’s Creed: Origins è finito in rete prima del previsto e molte informazioni, che sarebbero dovute essere annunciate nel corso della conferenza Ubisoft all’E3 2017 (12 giugno ore 22:00 italiane). Ve le riportiamo:

  • Il mondo di gioco sarà più dinamico rispetto a quello degli altri capitoli;
  • Sarà possibile cavalcare anche i cammelli;
  • Alcuni animali presenti negli scenari di gioco potranno attaccarsi tra di loro ed uccidersi;
  • Il gioco avrà una struttura RPG più marcata, saranno presenti degli skill point. Ci saranno tre rami di abilità distinti (Seer, Warrior, Hunter);
  • Il protagonista si chiama Bayek e potrà utilizzare lo scudo per parare le frecce nemiche. Potrà anche prendere le frecce conficcate sullo scudo ed aggiungerle all’inventario;
  • Ci saranno delle tombe da esplorare (quasi sicuramente delle piramidi);
  • Il gioco sarà ottimizzato per Xbox Scorpio, e pare che le prestazioni saranno persino migliori di quelle della versione PC;
  • Il team di sviluppo ha iniziato a lavorare al gioco prima del lancio di Unity;
  • Il sistema di combattimento sarà completamente rinnovato. Rispetto al passato le hit box saranno più importanti. durante il combattimento si riempirà una barra d’adrenalina che potrà esser rilasciata per esibirsi in attacchi più potenti. Niente più contrattacchi;
  • Ci sarà una nuova intelligenza artificiale, quella nemica non attaccherà più a turni;
  • Rimossa la minimappa, al suo posto ci sarà una bussola simile a quella di un The Elder Scrolls;
  • Non ci sarà più un bottone per lo sprint, la velocità del protagonista dipenderà dall’inclinazione dell’analogico;
  • Ci si potrà accucciare;
  • La storia è ancora segreta, non si sa nulla;
  • L’Occhio dell’Aquila non identificherà più i nemici, ma solo gli oggetti;
  • Il gioco è ambientato lungo l’ascesa e il regno di Cleopatra;
  • Si potrà scalare praticamente ogni cosa;
  • Ci saranno città grandi e piccole, incluse Menfi ed Alessandria;
  • Si potrà controllare un aquila e a cui sarà relegato l’utilizzo dell’Occhio dell’Aquila. Il rapace si chiamerà Senu;
  • Tutti i personaggi seguono il ciclo giorno/notte: dormono, mangiano, lavorano e rispondono a bisogni corporali;
  • I bottoni per gli attacchi sono il dorsale e il grilletto destro;
  • Il dorsale sinistro servirà per agganciare i bersagli;
  • Ci sono tesori da scoprire nel fondo del mare o in antiche rovine;
  • Le statistiche legate alla customizzazione sono state rimosse;
  • I giocatori potranno migliorare un particolare equipaggiamento grazie ad un nuovo sistema di crafting;
  • Il level cap del personaggio è fissato a 40;
  • Bayek non sarà l’unico personaggio giocabile, ma l’altro personaggio è ancora un segreto;
  • Ci sono strumenti leggendari che possono essere raccolti;
  • I nemici più forti non possono essere uccisi con la lama celata. La lama celata andrà anche potenziata;
  • I bottoni per il free running in alto e in basso sono stati rimossi;
  • Sono tornati i puzzle, ma saranno impegnativi e meno basati sull’utilizzo delle leve;
  • Ci saranno battaglie di gladiatori nelle arene;
  • Bayek sarà all’inizio un Medjay (una sorta di guardia) e avrà all’incirca trent’anni. In seguito diverrà il fondatore della Confraternita;
  • Si potranno equipaggiare due archi o due armi da mischia. Si potranno utilizzare anche i pugni;
  • Si potranno scoccare fino a due frecce alla volta (anche in groppa ad un cammello);
  • Tra gli obiettivi da eliminare c’è un “Coccodrillo”;
  • Si potrà nuotare sott’acqua;
  • I cadaveri nemici potranno essere avvelenati. Si potrà anche attirare l’attenzione delle guardie o addomesticare gli animali.

ac origins gameinformer 2 ac origins gameinformer