Il CEO di Take Two, Strauss Zelnick, ha dichiarato che la scelta di aggiornare alcuni franchise a cadenza annuale rischia di generare effetti negativi sul lungo periodo.

“Credo che se prendessimo tutti i nostri franchise e li trasformassimo in uscite a cadenza annuale, lasciando tutto il resto da parte, dal punto di vista matematico saremmo in una posizione migliore”, ha osservato Zelnick. “Ma ciò cosa implicherebbe? Implicherebbe dover raddoppiare i nostri studi di sviluppo. Implicherebbe dover chiamare in causa la nostra qualità. E implicherebbe il rischio che i consumatori si stufino di questi franchise. Una delle qualità migliori di Take-Two è che i nostri franchise sembrano essere perenni. Sono amati e costanti. Al contrario i nostri competitor tendono a bruciare i loro franchise, il che significa che ne devono creare di nuovi, e ciò è incredibilmente difficoltoso”.

Zelnick ha concluso il suo intervento facendo notare che gli undici brand in possesso di Rockstar e 2K Games hanno venduto individualmente più di 5 milioni di copie ciascuno. Su un totale di 54 titoli pubblicati, la media è stata superiore ai due milioni di unità. “Questo risultato non è secondo a nessuno nel nostro mercato. Possiamo permetterci di avere una scaletta di pubblicazioni senza consumare le proprietà intellettuali ed è proprio questo il nostro principale obiettivo”.