Star Wars: Battlefront, il producer lo mette a confronto con gli altri episodi della saga

Come abbiamo già riportato in precedenza, il producer di Star Wars: Battlefront, Jesper Nielsen, è stato sottoposto ad una serie di domande su Reddit riferendo:

Vogliamo che l’esperienza risulti sempre autentica, e che ponga alcuni limiti a ciò che è possibile o non è possibile fare. Credo che sotto questo punto di vista abbiamo raggiunto un buon bilanciamento.

Dopo aver promesso che gli AT-AT saranno “dannatamente grandi”, il producer ha poi proseguito confrontando questo nuovo episodio con quelli precedenti della saga:

Prima di tutto saranno presenti delle opzioni per giocare offline. Tutte le missioni sono giocabili offline, con un’intelligenza artificiale. Non capisco perché alcuni vogliano semplificare il gioco, non si tratta solo di due team che si scontrano in uno scenario di Star Wars. Sono presenti molteplici dettagli nel game design, nei controlli, nelle feature principali che fanno riferimento ai precedenti Battlefront (specialmente il primo). (…) Molti di questi elementi sono però difficili da spiegare e necessitano di un’esperienza diretta per essere compresi, come ad esempio le sensazioni negli scontri a fuoco.

Per leggere integralmente la serie di risposte di Nielsen, vi rimandiamo alla fonte: DualShockers

Star Wars Battlefront