Dopo la serie di teaser rilasciata da Sony Santa Monica, arriva oggi l’annuncio di Bound, una particolare avventura sviluppata dal Plastic Studios e dalla software house creatrice di Kratos.

Bound è stato definito così da Michał ‘bonzaj’ Staniszewski di Plastic:

Bound è dedicato a chi desidera concentrarsi sull’aspetto narrativo dei videogiochi e vivere una storia più matura anche se allo stesso tempo si rivolge ai giocatori più accaniti, che fremono al pensiero di un enorme rompicapo che può essere risolto solamente dagli sforzi congiunti di un’intera community.
In sostanza, quello che vi proporremo è un gioco che non è un gioco. Toccherà a voi decidere come affrontarlo. Per quanto riguarda la parte artistica, volevamo implementare uno stile che non fosse abusato nei videogiochi, ma che avesse comunque una profonda influenza sull’attuale aspetto del mondo: ecco perché ci siamo concentrati completamente sull’arte moderna. Se siete interessati a movimenti artistici come Suprematismo, Concretismo e Neoplasticismo, o ai grandi traguardi della Bauhaus, allora non potrete che adorare il mondo che abbiamo creato.

La protagonista di questo platform 3D è stata creata in collaborazione con la ballerina Maria Udod e del suo coreografo Michał Adam Góral, le musiche sono state composte da Oleg ‘Heinali’ Shpudeiko.

La particolarità di Bound è relativa alla generazione procedurale degli ambienti 3D, una feature che impedirà ai giocatori di annoiarsi e di apprezzare la fantasia dei colorati scenari offerti.