Data di uscita 13 gennaio 2017
Genere FPS
Modalità di gioco Singleplayer
Piattaforme PC, Xbox One
Sviluppato da Super Mega Team
Distribuito da Adult Swim Games
Versione testata PC
Cover

Può un gioco all’apparenza carino e coccoloso nascondere un’indole malefica? Nel caso di Rise & Shine sì, ma per parlarne adeguatamente dobbiamo fare qualche passo indietro nel tempo, tornare in un’epoca lontana in cui molti di voi avevano ancora i capelli, vivevano nella spensieratezza e nell’ingenuità e, perché no, avevano anche un vigore che col tempo si è tramutato in indolenza.
In quei tempi felici per ogni videogiocatore, tutti quelli che amavano la compagnia e la competizione si ritrovavano in luoghi di perdizione, dove i danari provenienti dalla paghetta dei genitori o dalla vendita (illegale) di figurine sparivano come vittime di un sortilegio. Le sale giochi ci trascinavano in un vorticoso circolo vizioso, che ci sputava in una situazione disastrosa che spesso ci trovavamo a giustificare, una volta tornati a casa, persino con il gioco d’azzardo o la droga. E invece no, tutti i nostri averi erano stati spesi davanti ad uno di quei maledetti cabinati, illusi da “quello prima di noi”, che era riuscito a darle al boss finale con una singola monetina, mentre noi ci piantavamo al secondo livello con la schermata che si illuminava ad intermittenza mostrando la scritta “Game Over”, già in mutandoni e vittime degli scherni delle iene alle nostre spalle.
Uno in particolare, tra la folta schiera di infami salassatori, merita la nostra attenzione in questa occasione: Metal Slug. Il gioco è con merito nei cuori di molti appassionati per via di un colpo d’occhio per l’epoca davvero incredibile, una direzione artistica ispirata e meccaniche divertenti e fluide. Un titolo per certi versi seminale, il quale influenzò negli anni a venire tutti i prodotti aderenti alla definizione di “sparatutto arcade bidimensionale”.

Rise & Shine Review (2)
Le sequenze di intermezzo sono caratterizzate da bellissime illustrazioni in stile fumetto

Rise & Shine, il reale protagonista di questa recensione, non nasconde di certo le sue fonti d’ispirazione, ma non lesina neanche vari miglioramenti del modello e profondi cambi di direzione. Di fondo rimane l’alto (e bastardo) livello di sfida, che alterna sezioni in cui è importante il timing di alcune azioni ad altre da vero e proprio bullet hell, tuttavia il puro gameplay non è il solo focus del gioco di Super Mega Team, dove lo stile e la caratterizzazione assurgono e si rivelano elementi di grandissima importanza, forse al pari di tutto il resto. Bastano i primi minuti di gioco per capire che il protagonista (che poi diventeranno di fatto due) e l’intero mondo di gioco hanno davvero qualcosa da dire.Rise è un giovane e minuto ragazzo che abita il fantastico mondo di Gamearth, popolato da entità che ricordano gli eroi più celebri del mondo dei videogiochi. Se avete apprezzato Ralph Spaccatutto della Disney avrete ben chiara l’atmosfera, carica di citazioni e chicche riferite alla cultura ludica dagli albori fino alla modernità. Questo paradiso rischia però la distruzione, poiché i Marine Spaziali provenienti dal mondo di Nexgen, avidi di potere e terre, radunano una immensa flotta e lanciano un possente attacco a Gamearth, provocando scompiglio e distruzione. La situazione appare da subito complicata: l’eroe che aveva più e più volte salvato le sorti del pianeta ha perso la sua ultima vita. Fortunatamente prima di andare incontro all’inesorabile game over, il paladino di giustizia si imbatte in Rise e gli consegna la sua arma più preziosa, Shine, una pistola parlante che permette di rinascere dopo la morte. Rise e Shine si trovano quindi alle prese con un ginepraio piuttosto intricato, che però affrontano con estrema determinazione. I due chiacchierano nel corso dei livelli, si scambiano battute salaci e poi fanno a pezzi i nemici con una violenza che cozza contro lo stile dolce di ogni personaggio ed ambientazione, peraltro realizzati a mano con estrema cura.
I toni sono leggeri e scanzonati, privi di qualsivoglia profondità, ma risultano efficaci ed avvincenti. Di sicuro la parte del leone la svolge il comparto artistico che caratterizza i livelli di gioco e le sequenze d’intermezzo, molto simili ad un fumetto, con tanto di balloon che racchiudono le frasi dei personaggi. Un eguale encomio per l’umorismo citazionista che illumina ogni passo in avanti dell’avventura, e per i giocatori con qualche anno sulle spalle la sorpresa di assaporare alcune chicche potrebbe valere da sola il prezzo del biglietto. Non ci piace fare spoiler e quindi non faremo nessun accenno ad alcuni riferimenti a dir poco geniali, vi lasciamo con la curiosità.

Rise & Shine Review (1)
Le ambientazioni sono molto varie e curate e non disdegnano qualche tocco di classe (guardate ad esempio il piede dello scheletro in basso a sinistra)

Se finora vi abbiamo descritto un gioco pieno di carineria, persino con diversi spunti nostalgici, pad alla mano Rise & Shine ci fa sentire lo sgradevole sapore della suola delle scarpe. Si muore con un colpo, massimo due, e pian piano le situazioni divengono sempre più complicate, con nemici che aumentano in numero e proiettili colorati che riempiono lo schermo. Sotto questo punto di vista è forte l’impronta arcade, anche se rispetto ad altri sparatutto in due dimensioni (uno tra tutti proprio lo stesso Metal Slug), non ci troveremo ad affrontare esclusivamente sequenze sparacchine di difficoltà sempre più elevata, ma ogni tanto ci verrà chiesto di risolvere semplici sezioni puzzle e platform, che spezzano un percorso che altrimenti sarebbe risultato di certo più monotono. Gli scontri a fuoco, invece, profumano di vecchia scuola, tuttavia il loro tasso di frenesia è discretamente basso, per via anche di un sistema di movimento volutamente limitato. Il nostro Rise può effettuare un piccolo saltino e una scivolata, in alcuni casi può anche sfruttare delle coperture, ma non può sparare muovendosi rapidamente. Questo grande “limite” dà un sapore diverso al gioco di Super Mega Team, gli strali nemici non possono essere evitati con movimenti rapidi e sinuosi, vanno distrutti con un proiettile, spesso mentre di pensa a sopravvivere agli attacchi letali di un boss di turno. Come vedete, pian pianino i punti di contatto col modello sono sempre meno visibili, segno che Rise & Shine non si adagia, piuttosto sfoggia un’identità tutta sua.

Rise & Shine Review (5)
Le boss fight sanno essere impegnative, preparatevi a tirare giù qualche santo dal calendario

E la maggiore profondità di gameplay è un altro elemento che suffraga questa tesi. Ci saranno due tipologie di proiettili diversi, ognuna efficace su un particolare tipo di nemici. In più si sbloccheranno dei moduli particolari che ci permetteranno di guidare a distanza una pallottola, spesso per colpire un punto critico di un boss o per risolvere dei puzzle, oppure di lanciare una bomba adesiva, anch’essa utile sia negli scontri che nei momenti più intellettuali.
Con la sua varietà, il suo stile, la sfida e il divertimento Rise & Shine sarebbe potuto essere la più grande sorpresa indipendente degli ultimi tempi. E invece non riesce a raggiungere il più alto gradino del podio per un problema quasi banale, la longevità. Purtroppo il gioco può essere terminato in tre ore scarse e il tasso di rigiocabilità è molto basso (presenti sono dei collezionabili, qualche cassa che potenzia il numero di munizioni e una modalità senza respawn), di conseguenza tutte le belle cose “assaggiate” non si risolvono in appagamento. Una tale compressione, inoltre, non rende giustizia alle tante meccaniche introdotte nel corso del gioco, le quali si ripresentano solo in casi sparuti senza che si abbia l’opportunità di padroneggiarle per bene. La bellezza degli scenari, la freschezza dei dialoghi e delle citazioni e tutto il resto avrebbero meritato più spazio, almeno il doppio. Ci piange il cuore.

Rise & Shine Review (3)
Gli elementi in parallasse arricchiscono l’immagine in maniera sorprendente

Configurazione di prova

Processore Intel Core i5-2500k 3.30Ghz
Scheda Video Nvidia GTX 670
Memoria 8 GB
OS Windows 10 64bit

Requisiti Minimi

Processore 2.4 GHz Dual core
Scheda Video 512 MB di memoria video
Memoria 2 GB
OS Windows 7/8/10 x64
PRO
Artisticamente eccezionale e pregno di un umorismo citazionista delizioso
Livello di sfida ottimo, dinamiche varie e divertenti
CONTRO
Durata eccessivamente contenuta

Commento

Rise & Shine è un gioco decisamente valido, sotto alcuni punti di vista può essere considerato addirittura una piccola gemma in un inizio anno freddo e parco di titoli. C’è un comparto tecnico ed artistico esplosivo, c’è un buon livello di sfida che strizza l’occhio ai giocatori più scafati, c’è varietà di situazioni e c’è un gusto per le citazioni che abbiamo trovato delizioso. Tutto questo ben di dio, però, è rinchiuso in un involucro troppo piccolo: la durata di gioco è eccessivamente limitata e svilente, quando i denti cominciano a digrignarsi e l’adrenalina a scorrere arriva l’inesorabile “the end” a smorzare la nostra animosità. Si vede tanto, ma tanto potenziale inespresso, e questo ci spinge a consigliare la creatura di Super Mega Team ad utenti consapevoli di trovare un’avventura che offrirà qualità a pacchi, ma che nel complesso potrebbe risultare insoddisfacente.
7.5