Tutti i fan di Quei Due Sul Server potranno guidare Redez e Synergo nelle loro avventure.

Data di uscita 8 novembre 2014
Genere Platform
Modalità di gioco Singleplayer
Piattaforme PC
Sviluppato da Mario P., Nicola P, Francesco R, Silvio D’A.
Download http://www.qdss.it/game
Versione testata PC
cover

In un’Italia dove i videogiochi sono considerati semplici giochini per intrattenere i bambini, sono poche le realtà che decidono di dedicare il proprio talento nella creazione del nostro medium preferito e mentre altri paesi europei, evidentemente consci dell’evoluzione storico-artistica dell’intera umanità, a grandi passi ci distaccano, noi italiani ci richiudiamo in un cantuccio fatto di tradizionalismo. Non è un male rispettare le tradizioni e non sbilanciarsi troppo nei confronti del progresso, tuttavia viviamo in un mondo che non si ferma ad aspettare nessuno e se lasciamo che la Francia, con Ubisoft, o la Germania, che ospita tra l’altro la GamesCom, ci passino davanti, saremo destinati ad un eterno inseguimento, a patto che lo si voglia intraprendere. Dopo questa introduzione sul fenomeno videoludico italiano focalizziamoci sulla vera ragion d’esistere di questo articolo: la recensione di un videogioco, italiano per giunta.

Recensione Quei Due Bastardi Sul Server 1

Redez e Synergo alla riscossa

Mario e Nicola, meglio conosciuti come Redez e Synergo sul web, sono i volti e le menti dietro ad uno dei canali YouTube dedicato ai videogiochi più conosciuto in Italia: Quei Due Sul Server. Quale miglior rampa di lancio per un videogioco indipendente se non YouTube, universalmente conosciuto e fruito? Ecco quindi che una passione che ha portato all’apertura di un canale, sfocia in una voglia di essere protagonisti all’interno dell’industria videoludica con la creazione di un vero e proprio videogioco. Quei Due Bastardi Sul Server (abbreviato QDBSS) è un platform 2D che aggiunge al nome del canale YouTube l’aggettivo “Bastardi“, mai nome fu più azzeccato, poiché vi troverete ad utilizzare questo epiteto più e più volte all’interno del gioco, diretto verso i suoi creatori. Lo sviluppo, a cura di Redez, Synergo, Silvio D’Angelo e Francesco Resta (“che ha sviluppato il 90% del gioco”), è stato effettuato su Blender e si è protratto per circa un anno a budget zero; il videogame è stato rilasciato l’8 novembre in forma completamente gratuita.

Zeb e Ultimate Arena

Zeb e Ultimate ArenaZeb89, youtuber controverso e molto conosciuto in Italia, si è cimentato nella realizzazione di Ultimate Arena, un FPS Arena sviluppato in collaborazione con Claudio Torres, sviluppatore spagnolo, su Unity. Dopo molte critiche degli utenti nei confronti del gioco, che era a pagamento, e una violazione della sicurezza sul sito ufficiale, Zeb decise di allontanare Torres e di congelare lo sviluppo. Il progetto, tuttavia, non è chiuso definitivamente, bensì ha bisogno di abili programmatori per essere portato a compimento.

Il gioco prende spunto da Cat Mario, un browser game che ha spopolato sul web grazie alla bastardaggine e alle meccaniche trial and error da cui trae forza. Già dal primo livello dei tre disponibili, più un difficile livello bonus nascosto, si cominceranno a riconoscere alcune trovate tipiche di Cat Mario, una pedana che ci uccide, un blocco che scompare all’improvviso facendoci precipitare nel vuoto o situazioni da cui è impossibile uscire vivi. Dopo un déjà vù iniziale, il gioco comincia a prendere una sua identità e sostituisce parte delle meccaniche trial and error con situazioni in cui conta più l’abilità del giocatore. Sì perché i protagonisti saranno due, entrambi indispensabili per procedere con l’avventura: Redez, che è in grado di fare un doppio salto, e Synergo, che invece riuscirà a compiere uno scatto utile per passare attraverso alcune pareti. Inutile dirvi che ci saranno punti in cui dovrete combinare velocemente i due poteri e superare i tre livelli di gioco non sarà impresa semplice, specialmente per tutti quelli che perdono la pazienza molto facilmente. Collezionare morti sarà molto semplice invece, spesso per colpa vostra, altrettanto spesso per colpa degli sviluppatori e altre volte per colpa di bug, più o meno gravi, ma omogeneamente presenti.

Recensione Quei Due Bastardi Sul Server 3

L’aspetto grafico che confeziona QDBSS è piacevole grazie ad una palette cromatica ora sgargiante, ora più cupa, ma soffre un po’ un design fin troppo derivativo, a parte quello di alcuni elementi, che difficilmente lo rende distinguibile. La musica, originale e priva di copyright, dà un ritmo incalzante all’azione, tuttavia, poiché riproposta in tutti i livelli di gioco, potrebbe risultare fastidiosa e ripetitiva, problema di cui sono afflitti gran parte dei platform, quindi non gliene facciamo una colpa.

Recensione Quei Due Bastardi Sul Server 4

Commento

Chi non è un fan di Quei Due Sul Server difficilmente apprezzerà il loro gioco, un platform senza virtuosismi e originalità che affonda le sue radici nel “genere” di Cat Mario. Ma è sbagliato guardare da quest’ottica un prodotto che è solo l’espressione di una passione senza troppe pretese, senza budget alle spalle e senza esperti del settore tra gli sviluppatori. Un gioco che punta ad un divertimento fugace e che si completa in meno di un’ora, dedicato a quelli che vogliono una sfida nella quale siano protagonisti i loro youtuber preferiti. In poche parole: per i pazienti e per coloro che si divertono a sentire le imprecazioni di Redez e Synergo ogni volta che un elemento ambientale li spappola.
6