Data di uscita 18 maggio 2017
Genere Picchiaduro
Modalità di gioco Singleplayer, Multiplayer
Piattaforme PlayStation 4, Xbox One
Sviluppato da NetherRealm Studios
Distribuito da Warner Bros. Interactive Entertainment
Versione testata PlayStation 4
Cover

Ammettiamolo, i fan dell’universo fumettistico hanno sempre amato l’idea di vedere (super)eroi e villain darsele di santa ragione. Tuttavia, trovare la giusta chiave per trasporre queste secolari battaglie non è facile e il rischio di sfruttare male una licenza importante, come quella di DC Comics, è sempre dietro l’angolo. Fortunatamente la possibilità di creare un titolo insoddisfacente si abbassa sensibilmente se ti chiami NetherRealm Studios e hai all’attivo un titolo come Injustice: Gods Among Us che, nonostante qualche difetto, riusciva a sfruttare alla grande la licenza. E’ quindi con ottimismo che ci siamo avvicinati a Injustice 2 vedendo, con nostro enorme piacere, che gli sviluppatori sono riusciti a creare un picchiaduro solido e divertente, capace di rendere onore a buoni e cattivi dell’universo DC.

injustice-2

Tra schiaffi e batarang

Non potremmo iniziare questa nostra recensione senza parlare del vero core di Injustice 2, i combattimenti e i combattenti.
Esattamente come nel precedente capitolo, Injustice 2 prevede la presenza di tre tipologie di colpo (leggero, medio e pesante), un’abilità unica per ogni personaggio (che può spaziare da un buff a degli specifici gadget o mosse) e le immancabili mosse speciali. Queste ultime, insieme ad un parco di altre utili abilità (come quella che permette di riprendersi da un uppercut), possono essere eseguite sfruttando una specifica barra che si caricherà nel corso dello scontro. Tutti questi elementi possono, ovviamente, essere combinati nelle combo di ogni personaggio. Oltre a ciò è possibile utilizzare i numerosi espedienti presenti in ogni scenario, da oggetti per danneggiare l’avversario a superfici da sfruttare per catapultarsi alle sue spalle.

injustice 2 deadshot Injustice 2 può vantare un roster di tutto rispetto grazie ai suoi 28 combattenti (più Darkseid come bonus pre-ordine). Ognuno di essi è dotato di uno stile che lo differenziano da tutti gli altri. Tutti i combattenti, inoltre, dispongono di un set di mosse vario che permette loro di combattere da tutte le distanze.
Eroi e villain possono essere livellati singolarmente e personalizzati, modificando vari pezzi dell’equipaggiamento e le skin. L’equipaggiamento agisce su diverse statistiche, migliorandone alcune a discapito di altre così da ottenere (almeno sulla carta) un certo grado di bilanciamento.
Gli elementi per la customizzazione possono essere ottenuti completando scontri oppure decodificando le Scatole Madre, a loro volta ottenibili tramite l’acquisto in game o la partecipazione a diverse attività di Injustice 2.
Non manca poi la possibilità di “rigenerare” l’equipaggiamento, grazie a cui le statistiche del singolo componente saranno rigenerate e il suo livello sarà portato a quello dello specifico personaggio. Infine, è possibile alterare l’aspetto di un oggetto sulla base di un altro, senza modificare le statistiche, grazie al basilare (anche se abbastanza dispendioso) sistema di trasmogrificazione.
Gli scontri, infine, non prevedono la presenza di più round, piuttosto saranno presenti due barre della salute, oltre ad una breve pausa (accompagnata da una battuta) che seguirà lo svuotamento della prima barra.
Insomma, Injustice 2 presenta una formula di gameplay solida e soddisfacente, in cui tutti personaggi riescono ad essere unici ed inimitabili, così che ogni giocatore possa trovare facilmente il suo preferito, sia questi un supereroe o un malvagio.

Injustice 2 sfrutterà un sistema di microtransazioni

Na Na Na Na Na Na… Brainiac!

Passiamo quindi a parlare di uno degli elementi che, inaspettatamente, ci ha intrattenuti di più nel corso delle nostre partite, la campagna di Injustice 2.
La storia è ambientata (eccezion fatta per un breve prologo) cinque anni dopo gli eventi di Injustice: Gods Among Us e vede Bruce Wayne (aka Batman) intento a ricostruire la Terra, dopo la sconfitta e l’imprigionamento di Superman, ma una nuova e temile si sta avvicinando, Brainiac il collezionista di mondi.

Captain-Cold La modalità è composta da un totale di dodici capitoli, ognuno suddiviso in quattro combattimenti. Molti degli scontri permettono anche di scegliere tra due combattenti per affrontare lo scontro, una buona idea che consente di farsi un’idea migliore del roster e che giustifica la scelta di rigiocare la storia. Infatti, per sbloccare entrambi i finali di Injustice 2 saremo chiamati ad affrontare tutti gli scontri della campagna in tutte le varianti disponibili.
In generale abbiamo notato un lavoro davvero notevole per ciò che riguarda la stesura della trama, la quale riesce nel tentativo di rendere giustizia alla licenza DC, caratterizzando bene ogni personaggi e senza mai stroncare il ritmo della narrazione.

Supergirl Injustice 2

Quando un universo non basta

Ovviamente, l’ottimo operato di NetherRealm non si ferma alla Campagna. In Injustice 2, oltre alla canonica possibilità di affrontare scontri singoli contro giocatori o IA, è presente la modalità Multiverso. Qui il concept degli infiniti mondi alternativi funge da ottima giustificazione per creare una modalità potenzialmente infinita, in cui è possibile affrontare una serie eventi a tempo con difficoltà e modificatori variabili.
Non tutte le sfide del multiverso saranno affrontabili liberamente, spesso sarà infatti richiesto un certo livello al personaggio che si desidera usare, così come le statistiche dell’equipaggiamento si riveleranno utili. Tuttavia, va sottolineato come le prove e gli scontri offerti dal Multiverso non presentino una grandissima varietà e che, quindi, la ripetitività è sempre dietro l’angolo.

Injustice 2 Recensione 01 Un’altra aggiunta tra le attività da affrontare in singolo è il “Simulatore di Combattimento”, ovvero una modalità Arcade che permette di affrontare una serie di scontri fino al boss, da sconfiggere per ottenere il finale di ogni personaggio.
I giocatori possono anche unirsi alle Gilde, dei club in cui i partecipanti possono completare sfide comuni allo scopo di ottenere utili ricompense.
Il comparto multiplayer online, consente di accedere a match normali e classificati, che presentano un diverse varianti giocabili. Sempre a proposito del comparto online, abbiamo potuto notare una buona stabilità delle partite e un matchmaking decisamente rapido.

Injustice 2 Recensione 02

Prendersi a pugni non è mai stato così bello da vedere

NetherRealm non ha solo confezionato un picchiaduro contenutisticamente completo, ma anche tecnicamente ottimo.
I modelli dei personaggi sono stati realizzati in maniera eccellente e lo stesso vale per le loro animazioni, le quali risultano decisamente convincenti, peccato solo che nella versione italiana ci siano alcuni problemi di sincronizzazione tra le animazioni facciali e il doppiaggio.
Grande cura è stata posta anche per la realizzazione degli scenari, i quali presentano un buon livello di dettaglio, anche se in alcuni casi abbiamo notato una pochezza di dettagli nei passaggi tra le varie zone dell’arena. Anche la Modalità Storia ha regalato non poche sorprese, grazie alle spettacolari cutscene e alle transizioni fluide verso le sezioni di gioco.
Nella versione da noi testata, quella per PlayStation 4, non abbiamo notato né cali di framerate (che restano fissi a 60 fps) né caricamenti particolarmente lunghi.
In generale, Injustice 2 presenta un eccellente comparto tecnico, intaccato solo in parte da qualche sbavatura che però non mina per nulla la giocabilità del titolo.

Injustice 2 Recensione 03

PRO
Roster vario e ben fornito
Il Multiverso promette di intrattenere per molto tempo…
Ottimo comparto tecnico…
Formula di gameplay solida e appagante
Modalità Storia ben realizzata
CONTRO
Rimane qualche incertezza sul bilanciamento delle statistiche
…Ma il pericolo di stancarsene non appare molto lontano
…Nonostante qualche piccola sbavatura

Commento

Injustice 2 riesce nel tentativo di creare un sequel di Injustice: Gods Among Us che risulti “Bigger and Better” in tutti i suoi aspetti. La Storia rende certamente onore alla licenza di DC, infatti non si tratta di una banale aggiunta di contorno ma di un modalità che intrattiene per diverse ore e a tratti epica.
La Modalità Multiverso, invece, promette di essere un’attività a cui i giocatori potranno dedicare molto tempo, grazie alle sue sfide a tempo e alle possibili ricompense, anche se il pericolo di annoiarsi è più vicino di quanto sembri.
I fan dell’universo DC saranno certamente soddisfatti dall’imponente roster di personaggi messi a disposizione già dal lancio, così come dalla possibilità di customizzare ogni singolo eroe e villain, anche se è un po’ presto per parlare del bilanciamento delle statistiche. Injustice 2 riesce anche a soddisfare dal punto di vista tecnico, grazie ad un framerate granitico e un grandissimo livello di dettaglio. Insomma, NetherReal ha dato vita ad un picchiaduro solido e divertente, che risulta assolutamente irresistibile per i fan Batman, Superman e compagnia bella, anche se non esente da difetti.
8.5