Quantum Break era già pronto un anno fa, il posticipo ha affermato Sam Lake è stato deciso da Microsoft per motivi esclusivamente strategici. Il creative director di Remedy ha detto: “la decisione venne da parte di Microsoft, osservando il suo portfolio si erano resi conto che sarebbe stato controproducente avere tutti i titoli maggiori concentrati negli stessi mesi, dunque con il rischio che si scontrassero tra loro. Venne dunque deciso di distanziarli”.

In ogni caso, Remedy fu ben contenta della decisione: “certamente siamo stati ben contenti di prenderci del tempo extra perché questi sono sempre progetti impegnativi e complicati, in un gioco come questo, la fase di rifinitura è essenziale, siamo stati più che felici di prenderci il tempo aggiuntivo”.

Quantum Break 2