Stando a quanto dice il senior dev support engineer di Sony Computer Entertainment America, Chris Norden, la famosissima casa proprietaria di PlayStation rifiuterà alcuni giochi, se questi non garantiscono un framerate minimo di 60 fps.

Norden ammette che non vi è tolleranza, se il gioco perdesse anche solo 5 fps sarebbe rifiutato. In effetti, un basso framerate non va a discapito solo della qualità dell’esperienza, ma sui dispositivi per la realtà virtuale danneggia anche la nostra salute. Nausea e vertigini non sono da sottovalutare.

PlayStation-VR