In seguito alle aspre critiche da parte dei giocatori, Overkill ha deciso di rispondere in merito all’inserimento delle microtransazioni in Payday 2. Il comunicato è arrivato dal global brand director della compagnia, Almir Listo, che ha detto:

“Quando nel 2013 ho dichiarato che non sarebbero mai state introdotte microtransazioni nel gioco intendevo esattamente quello che ho detto. Non credevo che avremmo mai avuto il piacere di lavorare sul titolo per almeno altri quattro anni. Abbiamo pensato (e ne siamo ancora convinti) che questa sia una grande aggiunta per il gioco.
Ci sono diversi motivi che ci spingono a pensare che gli stat boost possano stare in Payday 2. Il bilanciamento del gioco è basato sulla versione vanilla, stiamo parlando di un titolo player-versus-environment in cui giocatori vincono e perdono insieme. I vantaggi del singolo si riflettono positivamente sul gruppo, abbiamo lavorato sul bilanciamento per fare in modo che i boost non compromettano l’esperienza degli utenti.
Capiamo la rabbia e il disappunto. Dal punto di vista economico però, basandoci solo sulle statistiche, possiamo già vedere che il Black Market update funziona come previsto.
Speriamo di convincere la community che questa è stata la giusta decisione per garantire la stabilità di Overkill come sviluppatore indipendente e la futura crescita di Payday 2.”

Payday 2 Western Cowboy