Tantissimi nuovi particolari sul prossimo capitolo di Gears of War, rivelati da un utente di NeoGAF grazie al coverage di GameInformer. Eccoli elencati:

  • Co-op a due giocatori in split screen, sapremo in seguito se online oppure no;
  • Ambientato su Sera 25 anni dopo il terzo capitolo;
  • L’arma a Imulsion alla fine di GOW3 ha cancellato ogni residuo di combustibili fossili;
  • L’umanità è gravemente in pericolo e si è rinchiusa in città-fortezze, per trovare riparo da devastanti uragani (conseguenza della bomba e della guerra);
  • Chiamati “windflares”, sono una specie di fusione tra un uragano e un vulcano;
  • Ci saranno 4 categorie di clima: si inizia da forti venti (alberi, fogli, polvere tirata su) fino ad arrivare agli uragani di categoria 3 che influenzeranno il combattimento e l’uso delle armi;
  • Ai violentissimi uragani di categoria 4 potrai solo cercare di sopravvivere, ad esempio evitando i fulmini;
  • Il vento influenzerà l’uso delle armi: averlo “a poppa” potrà aiutare il proiettile nella sua traiettoria, ma frontalmente potrebbe farlo tornare indietro;
  • Anche i nemici subiranno gli effetti del clima (possibile dunque usarli in modo strategico a proprio vantaggio);
  • Gli accampamenti degli Arenati saranno al di fuori degli insediamenti della COG;
  • Forte ispirazione ai paesaggi del Nord Italia (foreste, fortezze ecc);
  • C’è la volontà di tornare all’intimità e ai colpi di scena dei Gears originali;
  • La storia di Gears of War 4 durerà 24 ore in gioco;
  • La storia inizia quando il villaggio degli Arenati dei tre protagonisti viene invaso da una nuova forza e rapisce gli abitanti;
  • Il trio (JD Fenix, Kait Diaz e Delmont Walker) parte alla ricerca degli abitanti nella foresta, chiedendosi come mai solo loro siano stati risparmiati;
  • Il nuovo nemico viene chiamato “Lo Sciame”;
  • Dopo la guerra, vi sono troppe Locuste da seppellire, che vengono dunque messe in una fossa comune (il trio pensa che ciò sia collegato alla nuova minaccia);
  • La prima missione inizia con i tre protagonisti nella foresta, che scoprono delle enormi capsule a forma di bozzolo dalle quali fuoriescono mostruose creature dall’aspetto quasi umano;
  • Questi nemici sono soprannominati “Juvies” (in quanto primo stadio evolutivo della nuova nemesi);
  • Juvies possono evolversi in “Droni” (omaggio alla trilogia), capaci di usare armi, e sembrano essere lo stadio più comune tra le fila nemiche;
  • Vi saranno anche i “Pouncer”, nuovi nemici visti nella demo all’E3;
  • I Pouncher cambiano tattica a seconda del giocatore (se corri allo scoperto sparano aculei velenosi, se rimani in copertura ti vengono a cercare e così via);
  • Al combattimento verranno aggiunte nuove armi costruite;
  • Rivisitato il sistema di copertura: da ognuna di esse potremo dare calci più facilmente ed eseguire uccisioni con il pugnale;
  • Si potrà anche eseguire una spallata in carica, sbilanciando i nemici;
  • Anche i nemici potranno far uscire allo scoperto il giocatore e eseguire le loro manovre;
  • Verrà implementata la copertura dinamica (ad esempio sparare alle capsule nemiche dai tetti in un’area altrimenti aperta);
  • Molta enfasi sul multiplayer, visto che i Gears originali erano 90% Single Player e 10% multi;
  • C’è la volontà di soddisfare sia i bisogni dei casual gamers che quelli dei partecipanti degli eSport;
  • È stato promesso che i fan non verranno delusi dalla modalità Orda, molto amata.

Un sacco di roba, vero? Beh, buon per noi!

Recensione Gears of War Ultimate Edition 04