Benvenuti aspiranti spie della domenica, quest’oggi analizzeremo Metal Gear Online, la componente multiplayer dell’ultima fatica di casa Konami, siete pronti a dare battaglia ad amici e nemici nella rete? Ebbene allacciate quindi i vostri stivali, cospargetevi il volto con il cerone nero, caricate il colpo in canna e buona lettura.

Welcome to the Jungle

Una volta aperto MGO l’avatar che abbiamo creato in The Phantom Pain verrà selezionato come nostro alter ego, il gioco ci chiederà di selezionare una classe per il nostro personaggio tra tre opzioni disponibili: l’Esploratore, abile nel supporto, negli scontri a distanza e consigliato per i neofiti della modalità; l’Assaltatore, indicato per i giocatori intermedi le cui peculiarità sono gli esplosivi e la resistenza, ed infine la Spia, esperta in CQC e dotata di una grande velocità a fronte di una sopportazione dei danni molto bassa, quest’ultima classe è votata ai più esperti.
Appena creato un personaggio non sarà più possibile la modifica della classe, tuttavia avremo a disposizione tre slot di creazione, unica seccatura dell’avatar della campagna single player è il suo aspetto esteriore, modificabile soltanto da The Phantom Pain.
Quando avrete dato sfogo alla vostra fantasia sarete trasportati alla lobby, un piccolo accampamento nella foresta in cui avrete pure qualche bersaglio per testare nuove armi e per prendere confidenza con il vostro alter ego, quando vi sentirete in clima da battaglia basterà aprire il fidato iDroid (il vostro migliore amico dalla campagna principale) e dare inizio alle danze.

Speciale-Metal-Gear-Online-2

“Mi piace l’odore del napalm al mattino”

Le modalità in cui potrete sfogarvi saranno tre, analizziamole nel dettaglio: la prima è Bounty Hunter, un classico deathmatch con alcune particolarità, le due squadre, il team Solid e il team Liquid, avranno a disposizione trenta ticket respawn, una volta terminati questi bonus la vittoria andrà alla squadra sopravvissuta. Ogni volta che si uccide un nemico la propria taglia sale, se invece di eliminare un avversario lo recupereremo con il sistema Fulton la sua taglia si tradurrà in nuovi ticket per la nostra squadra.
La seconda tipologia di match è il Cloak and Dagger, una missione di infiltrazione, le due squadre a turno difenderanno due dischetti che, una volta rubati, dovranno essere portati in un punto di consegna, basterà consegnarne uno per decretare la vittoria degli assalitori. La peculiarità di questo tipo di partite è che il team incaricato di rubare i dischi sarà armato solo di armi non letali, inoltre sarà equipaggiato con una mimetica ottica che smetterà di funzionare quando si verrà scoperti dai difensori, la tensione in queste partite sarà palpabile, soprattutto quando sarete voi ad aver rubato l’agognato oggetto.
Ultima modalità di scontro è Comm Control, un cattura la bandiera in cui dovremo conquistare delle antenne lungo l’area di gioco, una volta sotto controllo i punti d’interesse partirà un download di dati, se verranno scaricati tutti vincerà il team che attacca, anche in questo caso le due squadre contrapposte si alterneranno.
Ogni modalità di scontro avrà sempre due round, in caso di parità il team vincitore verrà stabilito in base ai punti ottenuti tramite le prestazioni dei vari membri.

Speciale-Metal-Gear-Online-1

Un iDroid per amico

Dal nostro pratico suppellettile potremo entrare in una partita automaticamente, ricercarne una con opzioni specifiche o crearne una di sana pianta, è possibile creare fino a cinque missioni consecutive, anche di modalità diverse, per organizzare partite lunghe e soddisfacenti.
Per quanto riguarda la crescita del nostro personaggio oltre ai classici punti esperienza avremo quattro slot liberi per i perks, abilità migliori occuperanno più slot. Inoltre per acquistare nuovo equipaggiamento utilizzeremo la valuta del gioco, i GP, sono presenti anche microtransazioni tramite gli MB, già noti nella campagna principale, tuttavia non influenzano l’andamento del gioco.
L’equipaggiamento ha un peso che influenza i movimenti del personaggio, potremo preparare vari tipi di armamentario e cambiarlo tra un round e l’altro, inoltre ogni classe ha equip unici.

L’arte della guerra

Contenutisticamente Metal Gear Online risulta ancora scarno, ci aspettiamo molto sostegno da parte di Konami per l’altra faccia di The Phantom Pain, dato che ad ora abbiamo solo cinque mappe per darci battaglia, nonostante siano affrontabili sia di giorno che di notte e presentino i vari agenti atmosferici che abbiamo potuto conoscere (e sfruttare) nella campagna single player.
Abbiamo riscontrato anche alcuni problemi al matchmaking che ci auguriamo vengano risolti, soprattutto la divisione dei giocatori nei due team contrapposti, ancora non perfettamente equilibrata. Il netcode risulta invece granitico, senza rallentamenti o problemi una volta che la partita è iniziata, nonostante lo standard delle connessioni italiane. Consigliamo quindi il download a tutti gli utenti, augurandoci che il gioco venga limato e migliorato costantemente nel tempo, buona guerra a tutti.

Metal Gear Online - Tactical Team Operations