Serge Hascoët, creative director di Ubisoft, ha rilasciato un’intervista a Le Monde dove afferma che in futuro vorrebbe abbandonare i vecchi metodi narrativi, per puntare ad esperienze che valorizzino di più le azioni dei giocatori. L’idea sarebbe quindi mettere da parte un racconto basato su cutscene e impostato su binari, per puntare a qualcosa di più interattivo e sandbox.

Questo è quanto riferito da Hascoët, ma non sappiamo se le sue parole rappresentano le volontà dell’azienda, che da sempre ha adottato tutt’altri strumenti narrativi.

Ubisoft