Sembra proprio che l’E3 2016 non sarà la piazza dove scoprire il futuro di Xbox One e PlayStation 4. La “battaglia” tra Microsoft e Sony sembra essere rimandata, con quest’ultima che ha rivelato l’assenza di PlayStation 4 Neo tra i protagonisti della sua conferenza. L’azienda di Redmond è però tenuta a mandare un chiaro segnale: Xbox One ha in parte deluso le aspettative e la sua lineup, anche se ricca, continua a soffrire se confrontata con quella di PlayStation 4. Ecco perché ci attendiamo diverse novità, e magari pure qualche botto, dalla conferenza Microsoft, che si svolgerà il 13 giugno alle ore 18:30 italiane. Vediamo i protagonisti dell’evento.

Xbox Scorpio e l’integrazione con il PC

Windows 10 and Xbox One

Le voci più interessanti diffuse qualche settimana prima della fiera losangelina riguardano i futuri piani che Microsoft ha in serbo per Xbox e Windows 10. Sicuramente ha fatto scalpore la notizia di una “Xbox Scorpio” prevista per il 2017, una risposta alla ormai certa PlayStation 4 Neo che dovrebbe garantire prestazioni migliori e addirittura una risoluzione 4K in upscaling. Le ultime notizie hanno un po’ smorzato le aspettative, con molta probabilità non ci sarà nessuna Xbox Scorpio sul palco della conferenza (sempre che Microsoft non voglia cogliere in contropiede Sony e sorprendere tutti), in compenso potrebbe essere presentata una nuova Xbox Slim (diversi rumor recenti parlano anche di una Xbox One da 2 TB), più piccola ed elegante ma senza aggiornamenti hardware degni di nota.
Ma le voci non parlavano solo di un nuovo modello di Xbox One: considerando il recente arrivo su Windows 10 di Gears of War: Ultimate Edition, Quantum Break, Forza Motorsport 6: Apex e le dichiarazioni di Phil Spencer, il modo Xbox One e quello dell’ultimo sistema operativo di Redmond potrebbero diventare un tutt’uno. Tutto ciò, però, potrebbe non fermarsi al semplice “tutte le future esclusive arriveranno anche su Windows 10“, ma potrebbe tramutarsi in qualcosa di davvero ampio e rivoluzionario per il mondo PC. Secondo molti dovrebbe chiamarsi “Project Helix” e si tratterebbe di un’iniziativa che permetterebbe ai giochi di Xbox One di girare anche su PC. Sembra quasi fantascienza, probabilmente lo è, ma tutto questo sarebbe il sintomo di una virata vigorosa verso la piattaforma unificata che, ora più che mai, sembra la strada più conveniente da percorrere. Siamo sicuri che tutto ciò interessi maggiormente il mercato PC? Altri bisbigli sparsi qua e la parlano di un’integrazione di Steam su Xbox (era apparso anche un URL che faceva riferimento ad una sezione dedicata alla console), altri ancora di World of Warcraft, League of Legends (e qui sarà essenziale l’integrazione con mouse e tastiera) e addirittura Oculus Rift su Xbox One. Insomma potremmo scoprire cose davvero interessanti.
Per rimanere in tema hardware, è quasi certa la presenza del visore a realtà aumentata Microsoft Hololens, magari potremo vedere sul palco l’integrazione con alcune demo giocate, Minecraft su tutti.

I pezzi grossi: Gears of War 4 e Scalebound

I giochi che saranno sul palco di Microsoft sono veramente molti, ma quelli che sono in grado di canalizzare il maggior numero di attenzioni sono senz’altro Gears of War 4 e Scalebound.
Il gioco di The Coalition lo conosciamo abbastanza bene, abbiamo visto diversi filmati in computer grafica e di gameplay, inoltre è stato possibile provare per un periodo di tempo mediamente lungo la beta multiplayer. Tuttavia ripresentare sul palco le peripezie del figlio di Marcus Fenix garantirebbe un bel boost di attenzioni, per non parlare di un eventuale (e probabilissimo) annuncio della data d’uscita su PC.
Lo stesso potrebbe accadere con Scalebound, del quale si è visto ancora ben poco. Scommettiamo in un’entrata di Kamiya in grande stile, un bel po’ di combattimenti in compagnia del drago e, anche in questo caso, una data di uscita su Xbox One e PC.
Avranno il loro spazio anche Crackdown 3, del quale è stato lanciato un sito teaser (link) proprio pochi giorni fa, Sea of Thieves di Rare, un titolo che ci incuriosisce e di cui gradiremmo avere più informazioni, ReCore, l’ultimo lavoro di Keiji Inafune che finalmente si mostrerà con del gameplay, Halo Wars 2 e Killer Instinct, il quale potrebbe annoverare tra il roster dei suoi picchiatori anche il generale RAAM di Gears of War.
Ampio spazio sarà dedicato anche al corposo programma ID@Xbox, quasi sicuramente vedremo Cuphead (verrà svelata la data d’uscita?), il misterioso Below e il distopico We Happy Few, oltre ovviamente alla consueta carrellata di titoli indipendenti a cui ci hanno abituato.

I possibili annunci: Forza Horizon 3 e Dead Rising 4

Forza Horizon 3

Anche sul palco di Microsoft dovrebbe esserci qualche annuncio a “sorpresa“, i più plausibili sono Forza Horizon 3 e Dead Rising 4.
Lo spin off open world della sere Forza è dato quasi come certo: l’ambientazione dovrebbe essere l’Australia, molto probabile l’uscita su Windows 10. Vogliamo segnalare che in un video di Major Nelson è stata mostrata una maglietta di Forza con il logo Lamborghini: noi sappiamo che la casa automobilistica emiliana ha stretto una partnership con Forza Motorsport 7, si tratta semplicemente di qualcosa legato a Forza Horizon 3 oppure dobbiamo aspettarci un nuovo capitolo della serie madre? Per ora non abbiamo risposte certe.
Dead Rising 4 invece è a metà tra un possibile reboot o un nuovo capitolo. Dalle informazioni che abbiamo carpito in questi giorni il gioco dovrebbe fare uso dell’Unreal Engine 4 (al posto del vecchio Forge Engine) e potrebbe essere ambientato nel giorno di Natale.
Le sorprese potrebbero non finire qua: Rare, insieme a Sea of Thieves, potrebbe star lavorando ad un nuovo Battletoads, Rockstar (non sappiamo se in questa sede, nella conferenza Sony o in nessuna delle due) potrebbe mostrare Agent oppure annunciare Red Dead Redemption 2, potrebbe tornare alla luce il remake di Phantom Dust, annunciato all’E3 2014 e poi andato incontro a diverse complicazioni, infine si parla di un nuovo Age of Empires, possibilità molto remota visto che Ensemble Studios è stata chiusa, ma la speranza è l’ultima a morire.

Con molta probabilità la conferenza Microsoft ci riserverà sorprese che andranno aldilà di quello che abbiamo scritto e cercato di prevedere, comunque sia quello che vi abbiamo fornito è un quadro il più possibile completo per prepararvi ad uno degli eventi più interessanti di tutto l’E3 2016. Per seguire la conferenza Microsoft dovrete collegarvi sul canale Twitch ufficale alle ore 18:30 italiane del 13 giugno. Se volete le notizie più aggiornate dalla kermesse di Los Angeles vi invitiamo a seguire il nostro completo coverage.